Macedonia, Unicef: transitano 3000 immigrati al giorno, il 12% delle donne incinte

 

Tra i migranti (clandestini) e i rifugiati che arrivano ogni giorno in Macedonia, un migliaio sono donne e bambini: un numero triplicato negli ultimi tre mesi, secondo le stime dell’Unicef.

Molte famiglie sono allo stremo delle forze e hanno bisogno di tutto: acqua, medicine, cibo per neonati, e un posto in cui riposare, nell’attesa di proseguire il viaggio.

I dati forniti dal portavoce del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia dicono tutto: 3.000 persone transitano quotidianamente dall’Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia: un terzo sono, appunto, donne e bambini, contro appena il 10% di giugno. “Altro aspetto importante – aggiunge Christophe Boulierac – il 12% delle donne sono incinte”.

Il governo di Skopje ritiene che l’80% dei rifugiati provenga dalla Siria, il 5% dall’Afghanistan e altrettanti dall’Iraq. Da giugno, nella città macedone di Gevgelia, vicino al confine con la Grecia, ne sono stati registrati 52mila. Ma l’Unicef è convinta che un numero analogo transiti verso la Serbia senza passare dai centri di accoglienza.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -