Droni nel programma clandestino della Cia “per combattere Isis”

Il drone, l’aereo senza pilota radiocomandato da basi a miglia di km di distanza dall’obiettivo, e’ sempre piu’ l’arma preferita dell’amministrazione Obama.

Il Washington Post rivela che oltre alla gia’ nota campagna di raid aerei gestita dall’esercito, la Cia ed il Comando Operazioni Speciali (Jsoc) hanno lanciato una campagna segreta di omicidi mirati di personalita’ di spicco di Isis ricorrendo ad una flotta di droni in Siria. Tra le prime vittime di questo programma segreto il britannico Junaid Hussain, il capo degli hacker di Isis.

“Il programma clandestino – scrive il Wp – rappresenta una significativa escalation del coinvolgimento della Cia in Siria, arruolando il potente centro antiterrrismo dell’Agenzia contro un gruppo che secondo molti ha eclissato al Qaeda”.

Questo sviluppo rappresenta anche una marcia indietro di Obama che puntava a fermare la trasformazione della Cia da agenzia di spionaggio in una vera e propria forza paramilitare segreta. (AGI) .

Video – Presidente del Sudan: “Dietro Isis e Boko Haram ci sono Cia e Mossad”

Iraq: abbiamo abbatuto 2 aerei britannici che lanciavano armi all’Isis

Francia, la denuncia del generale Desportes: “Isis è stato creato dagli Usa”

 



   

 

 

2 Commenti per “Droni nel programma clandestino della Cia “per combattere Isis””

  1. I droni non serviranno per colpire isis ma il governo siriano laico.
    Tutto questo fracasso ha però svegliato l’orso russo dal letargo e stanno consegnando i primi MIG-31 alla Siria, che sono aerei intercettori perfetti per abbattere gli awacs che controllano i droni.
    Il problema è che gli USA (ed i loro alleati levantini) ci stanno trascinando in una guerra contro la Russia con tensioni anche al confine ucraino, baltico e pure in una guerra civile in Europa promuovendo l’immigrazione (invasione) islamica. Ovvero: l’impero del caos.

  2. C’è ancora chi crede alle scuse americane?

    Peccato non esista dio, altrimenti sarebbe troppo bello poter sperare CHE DIO LI FULMINI TUTTI QUANTI SONO.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -