UE: procedura d’infrazione contro l’Italia se non identifica i clandestini

IMPRONTE DIGITALI : LA LETTERA DELL’UE INCHIODA LA RESPONSABILITA’ DI ROMA – Borghezio (Lega)

“Il nodo del mancato prelievo delle impronte digitali a decine di migliaia di clandestini da parte dei dilettanti allo sbaraglio del Governo italiano è arrivato al pettine della Commissione Europea! Infatti, con il richiamo contenuto in una severa lettera inviata da Bruxelles venerdì scorso a Roma, l’UE ha posto le basi per una prossima procedura di infrazione, ove Roma – come è prevedibile – non riesca a giustificare l’enorme divario fra il numero dei clandestini sbarcati in Italia davvero esorbitante e lo sparuto dato dei clandestini fotosegnalati e identificati attraverso i rilievi dattiloscopici.

Questa situazione, dovuta al buonismo idiota e irresponsabile dell’attuale dirigenza italiana, non può non indebolire l’Italia nel negoziato comunitario per la revisione del Principio di Dublino, proprio nel momento in cui, finalmente, persino il Governo della Signora Merkel apre in questo senso”.

 

Rovigo “sciopero delle impronte”, clandestini rifiutano di farsi identificare

Clandestini rifiutano l’identificazione, 4 agenti in ospedale



   

 

 

1 Commento per “UE: procedura d’infrazione contro l’Italia se non identifica i clandestini”

  1. Anche mio nipote di 8 anni aveva detto che dovevano essere schedati, e sti Buffoni, compreso i politi tutti del PD e NCD alleati a distruggere l’Italia B……..I, L…..I.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -