Calais, camionisti disperati: “di notte veniamo assaliti dai migranti”

 

Sono loro, i camion, in transito da Calais verso il Regno Unito il principale obiettivo dei migranti accampati nella giungla di Calais.

Ogni giorno in decine cercano di saltare sul tetto degli autocarri nel tentativo di attraversare il Canale della Manica.

Per scoraggiare i migranti nell’impresa le autorità francesi hanno costruito una barriera lungo l’autostrada.

Molte delle società di autotrasporto fanno ricorso negli ultimi mesi ad aree di sosta sorvegliate. Mentre i camionisti cercano di ridurre al minimo i tempi di sosta. Il problema, spiegano, molti di loro persiste al momento dell’imbarco nei traghetti che attraversano la Manica, è li che i migranti tentano di salire sui camion.

“Possiamo imbarcarci soltanto di giorno, perché la notte siamo letteralmente assaliti dai migranti” spiega un camionista ungherese che alla domanda “le autorità francesi fanno qualcosa per voi?” risponde: “No ,non fanno niente. Guardano e basta. Se qualcuno entra nel mio camion intervengono , altrimenti no. Dall’altro lato le autorità britanniche ci puniscono se prendiamo a bordo qualcuno. Ma non è colpa nostra.

Contro i camionisti che illegalmente trasportano, anche involontariamente, migranti dalla Francia al Regno Unito Londra ha fissato una multa da 2000 sterline. Alcuni sono stati anche accusati di traffico umano.



   

 

 

1 Commento per “Calais, camionisti disperati: “di notte veniamo assaliti dai migranti””

  1. Ribellatevi e chiedete il porto di A….I.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -