Si finge calciatore del Senegal: il Chieti si porta in ritiro un profugo

Issiaka, 18 anni, (falso) profugo del Gambia,  è riuscito mettere nel sacco la società del Chieti calcio.

Fuggito dal centro di accoglienza abruzzese di Alba Adriatica, millantava di essere un talento del calcio senegalese, raccontando di chiamarsi Lamine Diatta e di essere un famoso giocatore della difesa del Senegal

calciatore_senegal

 

Come scrive libero, si è presentato a inizio agosto a Pescara, con i documenti contraffatti e il curriculum professionale dell’ ignaro Diatta, per a sostenere un provino, ma la sua scadente prestazione non ha impressionato nessuno.

Il giovane gambiano non si è tuttavia perso d’ animo e si è fatto accompagnare da alcuni amici senegalesi alla sede del Giovanile Chieti Calcio, dove il provino deve essere andato un po’ meglio rispetto a quello sostenuto con il Pescara, tant’ è che il Chieti ha deciso di aggregarlo alla squadra per il ritiro pre-campionato.

Issiaka stava per coronare il suo sogno,  ma non ha fatto i conti con lo zelo di un avvocato che la comunità senegalese, credendo di far cosa gradita al calciatore tarocco, gli aveva messo a disposizione per trattare l’ eventuale ingaggio e sistemare le pratiche burocratiche e l’ ottenimento del permesso di soggiorno. Il legale si è accorto che qualcosa non quadrava nella storia e  ha scoperto che il vero Lamine Diatta, non solo era tesserato per l’ Excelsior di Dakar, ma che si trovava con la sua squadra a Conakry, in Guinea, per una partita di Coppa Africa.

Il sedicente profugo, invece di finire in galera, è stato riportato nel centro di accoglienza abruzzese di Alba Adriatica.

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -