Libia, Tripoli: autobomba Isis alla sede Eni, nessun ferito

eni-bomba-tripoli

 

Un’autobomba e’ esplosa a Tripoli davanti al quartier generale della compagnia petrolifera Mellitah Oil Company, joint venture al 50 per cento tra Eni e l’ente libico National oil company. L’esplosione non ha provocato grossi danni ne’ ci sono stati feriti, ha reso noto un portavoce del gruppo petrolifero.

“Non ci sono stati ne’ feriti ne’ danni rilevanti agli uffici” ha detto il portavoce. A rivendicare la responsabilita’ dell’attentato e’ stato lo Stato islamico: “I soldati dello Stato islamico sono stati in grado di colpire una delle tane dei rinnegati a Tripoli”, si legge in una rivendicazione pubblicata su un profilo Twitter legato al califfato. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -