Gli usurai non hanno ridotto il debito alla Grecia ma lo riducono all’Ucraina

Lagarde, head of the International Monetary Fund (IMF) meets with Ukrainian President Poroshenko in the Swiss mountain resort of Davos

I creditori internazionali dell’Ucraina hanno deciso di ristrutturare il debito ucraino, concedendo al massimo una cancellazione del 20% del debito complessivo di Kiev. L’accordo prevede il taglio del 20% del valore nominale di bond per 18 miliardi di dollari e un rinvio delle scadenze. Il il più grande detentore degli eurobond ucraini, oltre il solito FMI e la BCE, è la società di investimento americana “Franklin Templeton”, con sede a San Francisco.

«Entro la fine dell’anno il paese conta di raccogliere altri 3,2 miliardi di dollari di finanziamenti esterni», ha scritto il ministero delle Finanze in un dossier pubblicato sul proprio sito. Di questi, un miliardo dovrebbe arrivare dalla BEI, un altro miliardi dagli Stati Uniti, 600 milioni dalla Commissione europea, 300 milioni da parte del governo giapponese, 200 milioni dal governo tedesco e altrettanti da quello norvegese. Soldi che vanno a sommarsi ai 4,7 miliardi di ollari già ricevuti in questi mesi di diverse istituzioni internazionali (FMI, Commissione Europea, governo Usa e Canada).

“Il governo ucraino ha cancellato quasi 4 miliardi di dollari di debiti”, ha detto il premier Arseniy Yatsenyk. “E per i prossimi quattro anni l’Ucraina non dovrà preoccuparsi dei titoli in scadenza”, ha aggiunto.

Scongiurato il rischio “default”: l’accordo col gruppo guidato dal fondo Franklin Templeton (condizione necessaria, tra l’altro, per ricevere gli aiuti del Fondo monetario internazionale) arriva ad un mese dalla maturazione di titoli per mezzo miliardo di dollari.

Il ministro delle Finanze ucraino, Natalie Jaresko, da mesi batte sul tasto del debito, delle riserve valutarie troppo ridotte per discutere i finanziamenti internazionali necessari a evitare il default e della necessità di una ristrutturazione del debito sovrano, pena la sospensione dei rimborsi. Argomenti che non piacevano ai creditori, ma la Jaresko (americana naturalizzata ucraina) aveva replicato che senza la ristrutturazione rischierebbero perdite ben maggiori

Mosca, a cui sono state offerte le stesse condizioni, ha già fatto sapere che non aderirà. La Russia detiene 3 miliardi di dollari di titoli, ovvero parte degli aiuti che, a fine 2013, Vladimir Putin aveva garantito all’allora presidente ucraino Yanukovich.

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -