Libia, ONU: Isis è una minaccia “Reale, immimente e tangibile”

Lo Stato Islamico (Isis) “minaccia la stabilità della Libia e di tutta la regione” e si tratta di una minaccia “Reale, immimente e tangibile”. ( Iraq, parroco di Erbil: “Isis rappresenta l’Islam al 100%, ndr)

libia-tripoli2

 

Così l’inviato per la Libia delle Nazioni Unite Bernardino Leon in video conferenza da Parigi alla vigilia di un nuovo round del dialogo inter-libico iniziato oggi in Marocco, come riferiscono diversi media arabi.Già lo scorso luglio, l’inviato Onu aveva avvertito il Consiglio di Sicurezza che l’Isis ha esteso il suo controllo su una tratto di costa lungo 200 chilometri a est e ovest di Sirte. Per Leon quindi i negoziatori libici “devono riconoscere che nessuna strategia per contenere, se non eliminare, l’Isis è fattibile senza essere parte di uno sforzo concertato, unificato e coordinato di tutti i libici uniti sotto un’unica bandiera” (meglio ancora se sotto un governo fantoccio deciso dagli USA, ndr), riporta il sito ufficiale dell’Onu..

terroristi davanti alle tende ONU (Unhcr)

terroristi davanti alle tende ONU (Unhcr)

Ieri, in un intervista alla France 24, l’inviato speciale Bernardino Leon, si è detto fiducioso sulla possibilità che in Libia si formi un governo di unità nazionale entro la meta’ di settembre. “Continuo a credere che intorno al 10 settembre saremo in grado di arrivare a un accordo finale”, ha spiegato Leon.

“La priorità è di concludere un accordo politico”, ha aggiunto Leon, prima di aggiungere che “l’arma più forte della Libia contro lo Stato islamico è l’unità”.

Alla fine di luglio, il parlamento di Tobruk riconosciuto dalla comunità internazionale, aveva firmato un accordo preliminare proposto dall’Onu. Ma il presidente della delegazione del Congresso Nazionale Generale (Gnc, parlamento che sostiene il governo islamico di Tripoli non riconosciuto dalla comunità internazionale) non si è presentato alla riunione di oggi nella località marocchina di Skhirat. Gli islamisti di Tripoli contestano a Leon il fatto di non aver inserito loro emendamenti nel testo dell’accordo.”Restano importanti questioni aperte, ma penso che non siamo stati mai così vicini (a un accordo) come ora e sarebbe tragico non concludere un accordo in un momento in cui le posizioni di entrambe le parti sono così vicine”, ha spiegato l’inviato Onu. Il piano di Leon prevede un anno di governo di unità nazionale, in cui vi sia un consiglio dei ministri, guidato da un premier e due vice, scelti per rappresentare entrambe le parti. (askanews)

jihadisti Isis su veicoli dell'ONU

jihadisti Isis su veicoli dell’ONU



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -