Peste bubbonica: altri tre morti nel Usa, i casi salgono a 11

 

STATI UNITI – Colorado, Arizona, New Mexico, California, Georgia e Oregon. Sono sei gli Stati in cui, da aprile, si sono registrati casi accertati di peste bubbonica. E sono uncidi, in tutto, le vittime di questa che si teme possa essere una nuova epidemia. Le ultime tre vittime sono un ragazzo di 16 anni e due uomini di 52 e 79 anni.

 

peste

LA SITUAZIONE – L’allarme era suonato per la prima volta lo scorso 20 agosto, quando si è diffusa la notizia che nel parco nazionale di Yosemite, in California, un turista ha contratto la malattia: si tratta di un paziente originario della Georgia, nel Sud-est degli Stati Uniti, un uomo che si era recato a Yosemite e nel massiccio montuoso della Sierra Nevada prima di ammalarsi.

LA PESTE – La peste è una malattia infettiva causata da un batterio ed è stata uno dei flagelli più temuti e catastrofici che per millenni ha colpito l’umanità in tutto il mondo. Una settimana fa era stata diffusa la notizia che un bambino che aveva visitato Yosemite aveva contratto la malattia. L’immediata diagnosi e le cure tempestive avevano permesso al piccolo di riprendersi. Ma i ranger del parco aveva segnalato il pericolo dopo avere riscontrato la presenza di diversi scoiattoli contagiati.

COME SI TRASMETTE – La peste viene trasmessa dalle pulci e quando un roditore, come gli scoiattoli di Yosemite, muore, gli insetti si trasferiscono immediatamente su un altro ospite, animale o persona. La malattia è fatale se non trattata prontamente con terapia antibiotica. Il tasso di mortalità per peste bubbonica va dal 66% al 93%, percentuale che scende al 16% se la malattia viene diagnosticata subito e trattata con antibiotici.

.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -