Cina, Prodi: subito un tavolo con Pechino o il mondo rischia

“Se non c’è una risposta economica coordinata si rischia una deflazione globale. La crisi del 2008 è stata provocata dagli Stati Uniti, la prossima potrebbe venire dalla Cina. Noi europei non siamo nemmeno capaci di provocare le crisi. Ci limitiamo a subirle e a prolungarle facendoci del male da soli”.

E’ quanto afferma l’ex premier Romano Prodi, in una lunga intervista sulla crisi cinese, al “Messaggero”.

Prodi ha spiegato di non soffermarsi sugli andamenti borsistici, dove un crollo è spiegabile anche alla luce del fatto che il mercato cinese era cresciuto del 150% nel giro di un anno. “Il problema – ha invece osservato – è che il passaggio da un’economia basata su export e investimenti ad una alimentata dai consumi interni si sta rivelando più complicato del previsto“.

Poi ci sono gli aspetti politici, a cominciare dalle conseguenze della lotta alla corruzione “che ha creato tensioni anche perche questa e molto diffusa”. “Ieri e stato anche annunciato un grande intervento di politica monetaria, una sorta di quantitative easing, che sembra avere tranquillizzato i mercati internazionali – ha aggiunto -. Restano da fare tutte le grandi cose per le quali servirà però più tempo: risanare i bilanci delle imprese pubbliche e delle province, riformare il sistema bancario, regolare la bolla immobiliare. Certo difficilmente si riuscirà a mantenere la crescita del 7 per cento di cui si e parlato”

Prodi auspica quindi “una conferenza mondiale, chiamiamola nuova Bretton Woods o come ci pare. Sicuramente e desiderabile, ma non credo sia realistica, probabile. Le tensioni con la Russia compliocano tutto. Non mi pare che l’Europa sia in grado di organizzarla, non so se gli Stati Uniti la vogliano davvero”.



   

 

 

1 Commento per “Cina, Prodi: subito un tavolo con Pechino o il mondo rischia”

  1. Lui risolverà ogni problema,senza dubbio;non ha forse risolto i problemi italiani?

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -