Bengalese chiede asilo in Italia a causa dei “cambiamenti climatici”

 

Una domanda di asilo come ne arrivano ormai a decine di migliaia. Ma con una motivazione davvero singolare: “Motivi climatici”. E’ la curiosa richiesta inviata da un cittadino del Bangladesh alla Commissione territoriale di Firenze che valuta le domande.

La Nazione ha ricostruito il caso, di gran lunga il più ‘strano’ mai registrato in Italia. Il giovane sarebbe scappato da un piccolo villaggio del Bangladesh, dopo aver perso padre e fratello, uccisi per aver denunciato il furto della loro terra da parte di una “casta” del luogo.

Analfabeta e senza lavoro, il ragazzo ha deciso di emigrare e nel 2014 è arrivato in Italia su un barcone partito dalla Libia. Ora risiede in via temporanea a Quarrata (Pistoia) ed è in attesa del verdetto della commissione.

Il suo caso è seguito da consulenti legali della cooperativa “Gli Altri”. Scrive La Nazione:

tutto questo sarebbe mosso dal cosiddetto ‘Land grabbing’, appropriazione violenta della terra, causata proprio dai cambiamenti climatici avvenuti nel Paese.

“Al di là del sistema politico e giudiziario corrotto (…) – si legge nella pratica – anche il mutamento climatico ed ambientale ha contribuito in maniera negativa alla diminuzione delle terre disponibili”.

.today.it

Boldrini: bisogna dare protezione internazionale ai rifugiati climatici

Secondo il presidente bisogna dare accoglienza e protezione intenazionale a chi scappa dai disastri naturali a causa dei cambiamenti climatici. La Boldrini li chiama eco-rifugiati



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -