Video – L’Aquila: contestazioni, uova e sampietrini contro Renzi, interviene la Polizia

 

A L’Aquila Renzi ha invece dovuto fare un cambio di programma per motivi di sicurezza: il primo appuntamento che si sarebbe dovuto tenere al ristrutturato palazzo Fibbioni, nuova sede della municipalita’ aquilana, e’ stato spostato presso la sede del Gran Sasso Science Institute, alla Villa Comunale. In questo luogo, il premier avrebbe dovuto avere un secondo ed ultimo appuntamento con i sindacati e con le associazioni di categoria in particolare quelle imprenditoriali. Una decisione scaturita per le contestazioni contro il premier: “L’Aquila libera, mai la mafia, non la vogliamo”.

Cosi’ un gruppo di manifestanti sta scandendo slogan, accompagnati da striscioni di protesta, nell’attesa dell’arrivo in citta’ del premier. Ad inscenare la protesta, in particolare, sono i comitati “3 e 32″ e “Ombrina mare”. Tra la folla e le forze dell’ordine c’e’ stato anche un piccolo contatto subito arginato dal cordone di sicurezza.

Per il marasma un manifestante ha accusato un malore lungo via San Bernardino (nella quale si affaccia lo stesso palazzo Fibbioni) proprio a causa dello scontro avuto con il cordone delle forze dell’ordine ed e’ stato trasportato in ospedale in ambulanza unitamente ad una poliziotta rimasta anch’ella leggermente ferita sul setto nasale a causa degli stessi tafferugli. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -