Richiedenti asilo ospitati in hotel, ma spacciano droga

“Dunque, alcuni dei “bravi ragazzi” ospitati a spese degli italiani in hotel a Cesenatico e Pinarella sono in realtà spacciatori. Soggetti che, tra una partita di calcetto in oratorio e l’altra, hanno tessuto una rete di traffico di droga. Sembra proprio che questi sedicenti profughi, in attesa di una risposta alla domanda di asilo, abbiano già posto le basi per una lucrosa attività criminosa se otterranno un qualche status di rifugiato che li lascerà liberi di scorrazzare in lungo e in largo. Un successone per i ‘buonisti’ dell’accoglienza senza se e senza ma, che, dopo la doccia fredda della denuncia per i gravi reati compiuti dai loro protetti, si arrampicheranno sugli specchi per scansarne le responsabilità.

Abbiamo sempre avuto ragione noi della Lega Nord a chiedere che gli stranieri siano controllati in tempi brevi, che chi è veramente perseguitato (pensiamo, in particolare, ai cristiani in terre islamiche) deve ottenere protezione, ma anche che gli altri, la stragrande maggioranza, deve essere trattenuta nei centri di espulsione e nel caso, dopo i dovuti accertamenti, essere immediatamente espulsa perchè non fugge da guerra, fame o persecuzioni, ma è spronata a sbarcare in Italia reputandola il paese dell’impunità (quasi) assicurata e del tutto gratuito (per loro).

E’ ovvio che si deve cambiare registro, immediatamente e in tutte le località della Romagna dove sono attualmente accolti questi stranieri. E’ ora di mettere freni all’ospitalità, ben remunerata, gestita da associazioni, amministrazioni e privati, che stanno fallendo nell’attività di controllo dei loro ospitati, lasciati irresponsabilmente liberi di circolare sul territorio. Vorremmo sapere perché la CAD, la cooperativa guidata dal piddino Guglielmo Russo, che ha in carico gli stranieri insediati all’hotel Splendid di Cesenatico, non abbia verificato cosa facessero i loro ospiti, soprattutto dopo che ne era stato pizzicato un altro a smerciare, per ben due volte, merce abusiva.

Crediamo che ora sia necessario un intervento della Prefettura, che verifichi le azioni di vigilanza e controllo messe in atto da chi gestisce la permanenza di queste stranieri nei vari centri della provincia di Forlì-Cesena, soprattutto se si tratta di privati che li ospitano in abitazioni, e pensiamo anche che si debbano impedire nuovi arrivi sul nostro territorio.

Serve, a nostro avviso, uno stretto giro di vite, anche perché la situazione della sicurezza (e dei furti in abitazione) nel territorio provinciale sta diventando esplosiva. E qualcuno se ne dovrà assumere la responsabilità”.

E’ il commento del vicesegretario nazionale della Romagna, Jacopo Morrone, e il responsabile degli Enti locali, Antonella Celletti, sul grave episodio, chiedendo anche l’intervento della Prefettura.



   

 

 

1 Commento per “Richiedenti asilo ospitati in hotel, ma spacciano droga”

  1. Ditelo alla Signora Boldrini, dice che noi Italiani siamo spacciatori di paure e di demagogia, invece a questi oltre a pagargli colazione,pranzo,cena, pernottamento, invece al contrario nostro questi spacciano DROGA e vendono MORTE, SI AGGIORNI SIGNORA BOLDRINI E faccia mente locale agli Anziani con la A maiuscola Italiani.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -