L’Aquila, proteste contro Renzi: 4 feriti tra cui una poliziotta

 

Sono quattro, in tutto, le persone rimaste ferite nei tafferugli scoppiati a L’Aquila fra i manifestanti di comitati e associazioni contrari alla politica del governo e le forze dell’ordine in occasione della visita in citta’ del premier, Matteo Renzi. In particolare a San Bernardino, dove avrebbe dovuto svolgersi l’incontro istituzionale nel ristrutturato palazzo Fibbioni, una poliziotta ha riportato un trauma al setto nasale mentre un contestatore, pare ubriaco, ha accusato un malore ed e’ svenuto.

Quando poi il corteo si e’ spostato alla Villa Comunale, altri due manifestanti hanno riportato leggere contusioni a seguito di una carica fatta dal cordone di sicurezza costretto a rispondere ad un tentativo di sfondamento con il lancio di sanpietrini avvenuto proprio mentre Renzi giungeva al Gran Sasso Science Institute.

I quattro sono stati condotti all’ospedale San Salvatore. Quando, dopo il suo intervento, il premier ha lasciato l’istituto di alta formazione, polizia, carabinieri e vigili urbani, presenti anche agenti della polizia penitenziaria e della forestale, hanno tenuto tutti a debita distanza evitando, cosi’, anche ai giornalisti di poterlo avvicinare per fargli qualche domanda. (AGI) .



   

 

 

1 Commento per “L’Aquila, proteste contro Renzi: 4 feriti tra cui una poliziotta”

  1. Come non essere d’accordo con il Popolo Abruzzese e Aquilano Grandi, il dittatore si e messo la coda tra le gambe e se le squagliata non fa i comizi come ha fatto nelle terre dei PDioti anche loro sono senza vergogna e si li ci sono parecchi interessi di vario genere, Ecco cosa succede quando i cittadini contestano i loro diritti contro le trivellazioni che sono anni che la maggioranza del Popolo Abruzzese dice no e questi B……..i invece loro fanno sempre il contrario di quello che chiede il Popolo, la Polizia deve eseguire l’ordine ma se gli ordini sono sbagliati sarebbe anche giusto dare qualche manganellata anche ai politici Incapaci e Arroganti,

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -