500 profughi sbarcano a Palermo, casi di scabbia e varicella. Canti e balli

E’ approdata intorno alle 10.30 al porto di Palermo la nave militare ‘Vega’ con oltre 500 immigrati a bordo, soccorsi ieri nel Canale di Sicilia. Ci sono 308 uomini, 85 donne e 130 bambini non accompagnati. Circa 400 provengono dall’Eritrea, gli altri dal Ghana, Burkina Faso, Gambia, Sierra Leone. Qualcuno tra i profughi è affetto da scabbia, altri da varicella. Diversi hanno subito anche traumi fisici durante la traversata.

Un gruppo di profughi, tra cui molte donne, appena la nave è approdata ha iniziato a cantare e ballare per esprimere la gratitudine ai soccorritori.

Il prefetto del capoluogo siciliano, Francesca Cannizzo, ha detto che 400 profughi verranno trasferiti nelle prossime ore in 8 regioni italiane. ”Cento migranti verranno trasferiti in Toscana, 50 in Lombardia, 50 nel Veneto, altri 50 in Abruzzo, 50 in Emilia Romagna, 50 nelle Marche, 25 in Umbria, e altri 25 in Basilicata”.

Il Comune di Palermo in sinergia con la Prefettura guidata da Francesca Cannizzo ha trovato, in poche ore, la soluzione per ospitare tutti i 130 minori non accompagnati sbarcati questa mattina dalla nave militare ‘Vega’. “Grazie all’eccellente lavoro svolto dal Comune”, dice il prefetto, ”è stata trovata una sistemazione per tutti i 130 minori non accompagnati”. adnkronos



   

 

 

2 Commenti per “500 profughi sbarcano a Palermo, casi di scabbia e varicella. Canti e balli”

  1. Quanto la smettete di accogliere chi non potete accogliere da soli fra non molto cosa date da mangiare a questa gente? e il popolo Italiano di PECORONI tacciono questa nazione e diventata sorda e Muta nessuno reclama nessuno dice nulla ma i giovani dove sono? già dimenticavo che ci sta PAPA’ E MAMMA, ma quanto verrà una bella rivoluzione alla ex Francese, non so cosa pagherei x avere una soddisfazione del genere e non vedere più sulla faccia della terra questi Politici di m…..a.

  2. Hanno ragione a festeggiare;altri loro amici ospiti per hotel a 4 stelle pagati dai contribuenti,cioè noi,che al contrario,dovremmo piangere dalla disperazione!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -