Vicenza, educazione criminale: nomade di 9 anni scassina una porta blindata

Vicenza, educazione criminale: baby scassinatore fa scena muta in questura e poi scappa dalla comunità

 

nomadi-blindata

Lo avevano fermato con i “ferri del mestiere” in uno zainetto dopo che aveva scassinato la porta blindata di un appartamento, in questura ha fatto scena muta. Ha meno di dieci anni il nomade fuggito dal villaggio sos venerdì notte.

Come riportato sulle pagine de Il Giornale di Vicenza, davanti ai poliziotti si è comportato come uno criminale navigato. Non ha parlato, non ha fatto nomi, non ha chiamato a casa. Assieme ad un’altra bambina era stato colto il flagrante durante un furto. Il padrone di casa era riuscito a raggiungerlo fermando la sua fuga, mentre lei, senza voltarsi, è riuscita a far perdere le sue tracce.

Gli agenti hanno provato in tutti i modi a strappargli qualche informazione, ma il bambino, impassibile ha tenuto le labbra cucite. Solo quando è stato accompagnato al villaggio Sos di Vicenza, una struttura che accoglie i minori in difficoltà, si è lasciato scappare qualche informazione personale.

Il baby scassinatore si chiamerebbe Davide, ha nove anni e vive in un campo nomadi della Bassa padovana. Impossibile sapere di più, dopo una sola sera all’interno del villaggio Sos il bambino si è dato alla fuga, sparendo nel nulla. Nel frattempo nessuno si era fatto vivo in questura, non un genitore o un parente. La regola del gioco, evidentemente, sono chiare: non farti prendere, se ci riescono sei solo.

vicenzatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -