Immigrati, Serracchiani: respingere le persone crea condizioni di divisione

Serracchiani

 

“Quest’Europa a cui tanti di noi hanno creduto, quest’Europa nella quale siamo cresciuti, stenta ancora ad emergere. Un’Europa piu’ politica, quella dei popoli, sembra ancora lontana, tanto piu’ in queste giornate nelle quali vediamo alzarsi i muri, respingere le persone, e oggettivamente creare le condizioni di una divisione a cui non eravamo abituati ormai da tempo”.

Lo ha detto la vicesegretaria del Pd e presidente del Friuli Venezia Giula, Debora Serracchiani, intervenuta ieri al concerto per i caduti di tutte le nazioni nel primo conflitto mondiale, a Monte Santo (Sveta Gora in sloveno, Heiligenberg in tedesco), in Slovenia ma a pochi chilometri da Gorizia, uno dei tragici luoghi simbolo della Grande Guerra.

L’iniziativa e’ stata promossa dalla Regione Friuli Venezia Giulia congiuntamente a Mittelfest e Festival delle Nazioni di Citta’ di Castello, dove il concerto verra’ replicato tra due giorni Ernest Hoetzl ha guidato l’Euro Symphony Sfk, nata in Carinzia nel 2002 e composta da giovani musicisti austriaci, italiani e sloveni, in musiche di Brahms a Strauss figlio, a Beethoven. (AGI) .



   

 

 

2 Commenti per “Immigrati, Serracchiani: respingere le persone crea condizioni di divisione”

  1. L’Europa serviva solo alla signora Merkel che aveva il gravoso onere di unire le due Germanie.

  2. E chi poteva parlare e fare certe affermazioni se non una comunista di…. vorrei chiedere alla Serracchiani che tanto pavoneggia, non ha speso mai una parola di conforto per delle DONNE dello stesso sesso ne lei ne i suoi compagni e compagne, che subiscono tutti i giorni violenze sessuali in pieno giorno in mezzo alle strade, non si vergogna un pochino signora, i morti per le guerre non li sente che si stanno lamentando e dicono ma per che ca22o siamo dovuti morire x difendere questa nazione e, questi incapaci incompetenti che i nemici li vanno a prendere dentro le loro case e li portano dove noi siamo morti perché questo non fosse accaduto!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -