Borsa: Europa, peggior crollo dal 2011. Milano affonda -7%, panico nei mercati

E’ panico sui mercati. Inizio di settimana nero per i listini asiatici. Pesano i timori sulla tenuta della Cina e un rallentamento economico globale, le turbolenze sulle valute dei paesi emergenti e le incertezze che aprono le nuove elezioni in Grecia, dopo le dimissioni del premier Tsipras. L’Orso arriva anche sulle borse europee.

borsa

Il lunedì nero delle Borse mondiali si fa nerissimo: prima dell’avvio di Wall street a Milano l’indice Ftse Mib è arrivato a perdere il 6% con una nuova raffica di sospensioni tra le quali Intesa, Eni e Mps.

Wall Street affonda, Dj perde oltre 6% – Il Dow Jones accentua il calo, e arriva a perdere pochi minuti dopo l’apertura, oltre il 6% lasciando sul terreno piu’ di 900 punti.

Milano cede ancora dopo Wall street, -7% – L’avvio pesantissimo di Wall Street ha ampliato ancora le vendite sulle Borse europee e anche a Milano: in Piazza Affari l’indice Ftse Mib cede oltre il 7%, in linea con Parigi e Madrid, con l’ennesima raffica di sospensioni tra i titoli principali.

In Europa peggior crollo 2011, Stoxx 600 -5,3% – L’Europa vive la sua peggior seduta borsistica dal 2011. L’indice Dj Stoxx Europe 600 affonda del 5,3% mentre la paura per l’economia cinese, le turbolenze sui mercati emergenti e il crollo delle materie prime scatenano un vero e proprio ‘panic selling’ suul Vecchio Continente.
Londra cede il 4,6%, Parigi il 5,4%, Francoforte il 5,2%, Madrid il 4,8% e Milano il 4,65%. Vendite su tutti i comparti industriali, a partire da materie prime (-7,3% l’indice Dj Stoxx di settore) e da energia (-6,2%), i comparti più esposti a una ‘gelata’ dell’economia cinese. A picco anche banche (-5%) e auto (-5,1%).

Atene sprofonda -4,28% – Pesante calo per il listino di Atene con l’indice di riferimento che cede il 4,2 per cento.

PetrolioBrent sotto 45 dlr, prima volta dal 2009 – Dopo il crollo di venerdì del prezzo del petrolio a New York sceso ai minimi dal 2009, il tonfo si replica questa mattina a Londra con il Brent sceso sotto i 45 dollari al barile, per la prima volta al 2009. A pesare è la scelta dell’Iran di aumentare la produzione di petrolio. Il Brent con consegna ad ottobre è sceso del 3,2% a 44 dollari al barile.

ansa



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -