Migliaia di clandestini si dirigono dalla Serbia verso l’Ungheria

(Come potete facilmente osservare nel video, sono tutti musulmani o quasi))

Centinaia di immigrati hanno attraversato indisturbati stamattina il confine tra Grecia e Macedonia, senza che la polizia macedone, ancora schierata sul posto, facesse nulla per fermarli. Un’apparente resa delle forze di sicurezza, dopo giorni caotici di scontri.
Un flusso massiccio di persone si e’ riversato nel territorio della Macedonia, con l’intento di attraversare questo Paese e proseguire verso il Nord Europa.

Giovedi’ la Macedonia aveva dichiarato lo stato di emergenza e aveva chiuso le sue frontiere meridionali. Dopo scene di disperazioni e scontri, le autorita’ di Skopje avevano annunciato l’autorizzazione di ingressi contingentati di immigrati ma ieri gli sbarramenti al confine erano crollati sotto la spinta della massa umana dei profughi. Stamattina gli immigrati hanno continuato a transitare senza essere contrastati dalle forze di sicurezza macedoni.

Sono gia’ 3.500 le persone che sono entrate in Serbia e che si sono ammassate nel cittadina frontaliera Miratovac, dove secondo quanto riferisce la tv pubblica serba RTS sono stati forniti loro cibo e un riparo dal tempo iclemente di queste ore. Da Miratovac, dopo essere stati rifocillati, gli immigrati vendono trasferiti in pullman nella vicina Presevo, dove la polizia consegna loro documenti di viaggio e li fa poi salire su altri bus, diretti verso il confine con l’Ungheria.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -