Coisp: clandestini delinquono a piacimento e senza subire conseguenze

 

Oggetto: Immigrazione, il presunto stupratore di Padova giunto a maggio a Lampedusa e altri casi mostrano come i clandestini, non di rado richiedenti asilo, delinquono a piacimento e senza subire conseguenze, il Coisp: “E non si riesce neppure a rimandarli a casa, questo grazie al caos assoluto che regna sovrano”

immigr

“Continuiamo a subire oscenità di ogni tipo da immigrati clandestini che arrivano in Italia e chiedono asilo ma poi delinquono in ogni modo a piacimento. Li smascheriamo, li arrestiamo, e poi… tornano liberi a fare come gli pare.

Ed i cittadini ricominciano a subire le loro violenze, la loro prepotenza, l’arroganza dettata dalla consapevolezza che nel caos generale potranno farla franca. Quindi non solo non si riesce a filtrare gli ingressi nel Paese limitandoli a quelli che mostrano i requisiti necessari per la richiesta dello status di rifugiato, ma anche dopo, di fronte alla prova incontrovertibile di trovarsi di fronte a criminali, non si riesce a rimandare questa gente a casa, né a far scontare loro alcuna seria conseguenza dei loro comportamenti illegali, antisociali, criminali.

E’ come se le Forze dell’Ordine continuassero a girare in tondo, correndo dietro a soggetti finiti in manette magari decine di volte, o comunque senza poter far nulla perché la verifica della mancanza dei requisiti per permanere in Italia – che già mostrano un estremo permissivismo, specie se letti alla luce delle regole che vigono negli altri Paesi – possa trasformarsi in un reale allontanamento di chi delinque”.

Torna sul tema dell’immigrazione Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, citando nel suo nuovo intervento alcuni gravi episodi di cronaca che hanno riguardato immigrati giunti nel nostro Paese nel corso dei tanti sbarchi degli ultimi mesi.

Su tutti il caso del profugo del Mali di 22 anni arrestato per la violenza sessuale commessa in provincia di Padova ai danni di una ragazzina di 17 anni. L’uomo risulta fotosegnalato a Lampedusa nel maggio di quest’anno, sarebbe arrivato con le carrette del mare durante uno degli ultimi sbarchi di immigrati dall’Africa.

Ma ha destato scalpore anche il caso del Clement Ebuh, di 22 anni, fuggito in Svizzera dopo aver lasciato il centro di accoglienza per richiedenti protezione internazionale presso la cooperativa sociale a Isola di Capo Rizzuto (Kr), ma qui arrestato per l’omicidio di un uomo assassinato con un coltello. Il presunto omicida è dunque un profugo, arrivato in questi mesi in Italia ed in attesa di sapere se la commissione che valuta le storie di persecuzione dei migranti gli avrebbe concesso lo status di rifugiato.

Di ieri, infine, un articolo di stampa che, citando la pronuncia di un giudice di pace di Gemona, ha ricostruito l’incredibile storia di un marocchino, da oltre dieci anni in Italia, che ha compiuto 21 reati, restando dietro le sbarre solo 9 giorni grazie ad attenuanti, indulti e altro. All’uomo non è stato rinnovato il permesso di soggiorno ed è stata decretata la sua espulsione da tre diverse prefetture di Belluno, Bologna e Udine. Il 17 maggio 2013 è il Tribunale di Gemona del Friuli, che ha ordinato di sbatterlo fuori dall’Italia per la quarta volta. E il 23 luglio lo hanno rimandano in Marocco. Ma il clandestino sarebbe tornato in Italia per venir di nuovo pizzicato a Tirano, in provincia di Sondrio, dove ha subito una condanna di un anno per false generalità. Al processo a Gemona è stato contumace ed il giudice di pace ha scritto nella sentenza: “In tutti questi atti è stato ripetutamente ordinato all’imputato di lasciare il territorio nazionale e di non rientrare prima che siano decorsi 10 anni. Tali ordini sono stati sistematicamente ignorati e nessuna autorità è stata in grado di farli eseguire coattivamente!”.

“Il certificato penale di Hadif Achraf – ha spiegato il giudice – riporta ben 21 reati, commessi dal 13.11.2002 al 26.02.2008 in Torino, Genova, Tortona, Biella, Imperia” per reati che vanno dall’appropriazione indebita, al furto, rapina, lesioni, resistenza a pubblico ufficiale e così via. Il marocchino nato a Casablanca “fra attenuanti generiche (ripetutamente concesse, malgrado le recidive), sospensione dell’esecuzione, indulto, cumulo delle pene, eccetera ha scontato soltanto 9 giorni di pena detentiva: dal 30.04.2011 al 09.05.2011! Evidentemente, il soggetto è stato indotto a pensare che il sistema giuridico-penale italiano è impotente e quindi nessun freno è stato posto alle sue scorrerie e nessun deterrente hanno rappresentato le molteplici condanne inflittegli!”.

COISP – COMUNICATO STAMPA DEL 22 AGOSTO 2015



   

 

 

2 Commenti per “Coisp: clandestini delinquono a piacimento e senza subire conseguenze”

  1. Come non condividere con il sig. Franco Maccari del COISP, qui la situazione sta degenerando questi Politici ci stanno portando all’esasperazione vogliono che il popolo cominci a farsi giustizia da solo cosi andremo con lo scontro tra le forze dell’ordine e i cittadini onesti quindi sti B……..i ci fanno scontrare tra Italiani e vanno a favore dei delinquenti come …. non lo dico ecco cosa vanno trovando e ma che può succedere che l’acqua che non è piovuta sta ancora in cielo e prima o poi cadrà e poi si ca22i amari, qui ci sono tanti Traditori.

  2. Ma che sia “UPESCE CHE BUZZA DAACAPA”-???????????????????????

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -