Usa, Casa Bianca conferma: ucciso numero due del Califfo dell’Isis

 

Il numero due del Califfo al Baghdadi, Fadhil Ahmad al-Hayali, conosciuto come Haji Mutaz, è stato ucciso durante un attacco militare condotto con droni americani lo scorso 18 agosto mentre si trovava in auto vicino a Mosul.

vice-califfo

 

La notizia è stata data dalla rete Cnn e confermata poco dopo dalla Casa Bianca, che ha ricordato come Mutaz, oltre ad essere uno dei numeri due leader dell’Isis, fosse anche il coordinatore dello spostamento di armi, esplosivi, veicoli e persone tra Iraq e Siria. Mutaz era un “membro di Al Qaida in Iraq”, hanno affermato gli americani, che hanno ribadito l’intenzione di distruggere il gruppo terroristico, sulle cui attività la morte di Fadhil Ahmad al-Hayali sono sicuri produrrà un effetto negativo.

ARMI CHIMICHE – Intanto le forze armate americane hanno annunciato di avere le prove dell’uso da parte dei miliziani dello Stato Islamico di armi chimiche. “I test preliminari condotti mostrano tracce di iprite, anche conosciuto come gas mostarda, sui cannoni usati dall’Isis per attaccare le forze curde in Iraq”, ha annunciato il generale brigadiere dei marine Kevin Killea, che dirige le operazioni contro i miliziani del Califfato, sottolineando però che i risultati non sono definitivi e che altri test sono ancora in corso. Ancora da chiarire dove l’Isis possa aver reperito tale armi: una delle possibilità è che gli jihadisti siano entrati in possesso dell’arsenale della Siria.

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -