Libia: nuovi video di maltrattamenti a Saadi Gheddafi in carcere

Nuovi video mostrano i funzionari della sicurezza di Tripoli, dove ha sede il governo non riconosciuto dalla comunita’ internazionale, mentre minacciano Saadi Gheddafi, figlio del defunto rais, nel tentativo di estorcergli una confessione. Lo riferisce il sito internet del quotidiano libico “al Wasat”.

Saadi-Gheddafi

 

Saadi e’ detenuto nel carcere tripolitano di Hadba dopo l’estradizione dal Niger avvenuta l’anno scorso. Il figlio del colonello e’ accusato, tra le altre cose, dell’omicidio di un calciatore quando era capo della Federcalcio libica. I funzionari Tripoli, da parte loro, riferiscono che i prigionieri sotto la loro custodia sono trattati bene. Il video e’ stato pubblicato a due settimane da un altro filmato che mostra il terzogenito di Gheddafi bendato ed oggetto di torture.

Le nuove immagini mostrano un funzionario della sicurezza mentre si rivolge al figlio del colonello in tono minaccioso: “Puoi parlare ora di sua spontanea volonta’ o i nostri ragazzi ti faranno sedere su un proiettile calibro 23 millimetri per avere tutte le informazioni”. Un altro funzionario ricorda che “qui dentro abbiamo rotto le costole di Abdullah Senussi”, l’ex capo dei servizi segreti di Gheddafi. Saadi, da parte sua, chiede di rimuovere la benda sugli occhi: “Non ora, dopo”, rispondono i carcerieri di Tripoli, chiedendo all’ex calciatore di Perugia, Udinese e Sampdoria dei suoi presunti collegamenti con altri gruppi islamisti. “Mi faranno del male. Giuro su dio che mi faranno del male”, risponde uno spaventato Saadi Gheddafi.

Il mese scorso un tribunale di Tripoli ha condannato a morte in contumacia il fratello maggiore di Saadi, Said al Islam Gheddafi, detenuto dalle milizie di Zintan, nella Libia occidentale. Altri ex funzionari della “Jamahiriya” libica sono stati condannati a morte per fucilazione, inclusi l’ex capo dell’intelligence Senussi e l’ex primo ministro Baghdadi al Mahmoudi. Questi ultimi sono in attesa della conferma delle sentenze da parte della Corte suprema.(AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -