Caporalato: in Emilia Romagna è mascherato dal ‘sistema’

 

caporalato

Un vecchio detto: loro rubano e a noi ci chiamano ladri!
In un sistema consolidato da decenni, dove migliaia di aziende agricole gestite da veri e propri negrieri che sfruttano generosi lavoratori extracomunitari ai quali corrispondono 3/4 euro l’ora, pare abbiano fatto la scoperta del secolo.

Sui media viene enfatizzata la ‘sensazionale’ scoperta di ventinove lavoratori “in nero” e sanzioni amministrative per svariate decine di migliaia di euro: è il bilancio di un servizio anti caporalato eseguito nel Casertano dalle forze dell’ordine e dall’ispettorato del Lavoro.
Passati al setaccio i terreni agricoli tra Villa Literno, Cancello Arnone, Sessa Aurunca, Santa Maria la Fossa e Sparanise. Controllate 12 aziende agricole e 88 operai, prevalentemente bulgari e romeni. Operazione lodevole.

Ma che differenza c’è tra il caporalato delle regioni del Sud ed il ‘sistema’ della sinistra al centro nord che favorisce l’immigrazione clandestina per fornire lavoratori a 3/4 Euro l’ora alle aziende agricole emiliane romagnole?
Il problema è sempre lo stesso: chi controlla i controllori? – si chiede Armando Manocchia

 

La sinistra occupa tutti i gangli della politica, dell’economia e delle Istituzioni e siccome ‘cane non mangia cane’ i controlli non vengono fatti e se si, non chiudono un occhio ma tutti e due su quello che è vero ‘sistema’ normato, normalizzato e consolidato. Per capire il fenomeno abbiamo visitato tre aziende agricole a caso, lo abbiamo fatto vicino a casa nell’imolese tra l’Emilia e la Romagna dove ci si diverte si beve e si magna e si vota Pd: nella prima azienda agricola visitata ci sono 18 albanesi e 1 pensionato oltre ai famigliari della proprietà. Nella seconda oltre 20 extracomunitari di varie nazionalità e 5 pensionati. Nella terza 12 romeni 6 magrebini e 3 pensionati. In tutte e tre le aziende percepiscono 3,50 euro euro l’ora gli extracomunitari, 4 euro i romeni e albanesi e 5 euro i pensionati. Chi indaga? Chi controlla?

Armando Manocchia  @mail



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -