Centrafrica: altri dipendenti ONU accusati di violenza sessuale

onu-CASCHI-BLU

 

Altre accuse di violenze sessuali sono state mosse contro i caschi blu dell’Onu nella Repubblica centrafricana. Lo ha confermato oggi la portavoce dell’Onu Vannina Maestracci, precisando che le accuse sono state presentate dai familiari di tre donne, una delle quali minorenne, la scorsa settimana. Gli abusi sarebbero avvenuti nelle scorse settimane nella località di Bambari.

Le nuove accuse arrivano dopo che il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha rimosso il precedente capo della missione, Babacar Gaye, a seguito dello scandalo provocato dalle precedenti denunce di abusi sessuali. Secondo il regolamento delle forze di peacekeeping sono i paesi di provenienza dei militari accusati a dover indagare sui presunti abusi commessi durante la missione Onu. Il Palazzo di Vetro ora sta aspettando che i Paesi dei militari accusati presentino i rapporti sulle inchieste condotte. Ma la portavoce dell’Onu non ha precisato quali siano questi Paesi.

Adnkronos

Bambini violentati da dipendenti ONU, si dimette diplomatico senegalese



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -