2500 presunti profughi sbarcano ad Atene, sono diretti verso il Nord Europa

 

Sono sbarcati in 2.500 ad Atene, carichi di storie e di sofferenze: profughi o aspiranti tali, partiti dalla Siria, dicono.
Il traghetto Venizelos, affittato dal governo greco per alleggerire la pressione sulle isole dov’erano sbarcati inizialmente, li ha scaricati al porto del Pireo. Da lì hanno poi preso gli autobus diretti in centro, nella gran parte dei casi per raggiungere la stazione ferroviaria da cui partire alla volta della Macedonia e da lì verso Nord:

“Viaggeremo verso qualunque posto, non sappiamo dove. Vedremo quale luogo ci lascerà portare la nostra famiglia”.

Tante incongnite, tanti rischi ancora da affrontare: il più difficile è stato l’inizio, alla frontiera turca, secondo questa ragazza curdo-siriana:

“Siamo rimasti nei boschi per circa sei ore, e poi i soldati turchi hanno iniziato a urlare e dirci di andarcene, poi abbiamo aspettato fino alla notte per poter entrare in Turchia e a quel punto hanno iniziato a sparare, ma in aria. E allora siamo andati. Mi sono fatta male alla gamba, mia sorella la gamba se l‘è rotta”.

grecia-profughi2

“Secondo le Nazioni Unite, nei primi otto mesi del 2015 più di 160.000 migranti hanno raggiunto la Grecia. È più del quadruplo di quelli giunti in tutto il 2014. E decine di migliaia sono pronti a partire dalle coste turche, mentre le autorità greche nell’Egeo orientale chiedono al governo centrale di assumersi le sue responsabilità e intensificare gli sforzi per affrontare il problema”.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -