L’Aquila, auto contro cinghiale: muore un 39 enne

L’Aquila, Smart contro cinghiale: morto un 39 enne

Schianto fatale tra un’auto e un cinghiale. L’incidente e’ avvenuto stamane nei pressi del quartiere aquilano di Cansatessa, lungo la statale 80, dove ha perso la vita un 39enne. Erano circa le 6 quando l’uomo, alla guida di una ‘Smart’, ha impattato contro l’ungulato.
L’utilitaria si e’ ribaltata e per il conducente non c’e’ stato nulla da fare. Quello dei cinghiali, che sempre piu’ spesso raggiungono le zone urbane anche marine dell’Abruzzo, e’ un problema molto sentito per i danni che arrecano all’agricoltura, visto il loro continuo proliferare, tanto che dallo scorso 31 luglio ne e’ stato disposto, nella provincia aquilana, il loro abbattimento selettivo.

L’uomo deceduto, che lascia un figlio di 2 anni, si chiamava Cristian Carosi ed era residente nella frazione di San Vittorino. Titolare di un bar-tabacchi su via XX Settembre, viaggiava verso L’Aquila. Dopo l’urto improvviso con il cinghiale, la sua auto si e’ schiantata contro uno degli alberi che costeggiano la statale, per poi capovolgersi piu’ volte. L’uomo, che e’ stato sbalzato fuori dall’abitacolo, sarebbe deceduto sul colpo. Sul posto, per i rilievi, la polizia stradale, oltre al 118 e ai vigili del fuoco. La salma si trova nell’obitorio dell’ospedale ‘San Salvatore’ dell’Aquila, a disposizione dell’autorita’ giudiziaria. agi



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -