Arrestato tunisino pluripregiudicato; spacciava ispirandosi ai narcos sudamericani

Modena – Si faceva chiamare Ramon lo spacciatore pluripregiudicato arrestato ieri dalla polizia municipale di Modena. Il 25enne tunisino, noto come Ramon, aveva adottato un look vistoso, ispirandosi a quello dei narcotrafficanti sudamericani: tatuaggi tribali e colorati sul corpo, soprattutto sulle braccia, capelli raccolti in un codino.

Gli agenti in borghese, durante un controllo nel centro cittadino, hanno indirizzato la loro attenzione su un appartamento formalmente abitato da un italiano, ma che gli agenti sanno di fatto essere spesso utilizzato da spacciatori magrebini.Entrati in casa, hanno sorpreso il pusher, con numerosi precedenti penali legati allo spaccio di sostanze stupefacenti, clandestino, che ha già trascorso sei anni nelle carceri italiane.

A carico del magrebino, che dai clienti si fa appunto chiamare Ramon, anche per i tratti tipicamente latini, pesa un mandato di cattura per un residuo di pena di 10 mesi emesso dal tribunale di Asti per fatti criminosi commessi nel 2014 in Piemonte. Per lui sono quindi immediatamente scattate le manette, ed è stato portato nel carcere di Sant’Anna. (La Presse)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -