Cuba, Bergoglio potrebbe incontrare i guerriglieri delle Farc

“E’ una possibilità realizzabile”: il presidente dei vescovi colombiani Luis Castro Quiroga ritiene possibile che Papa Francesco, nel corso della sua visita a Cuba dal 19 al 22 settembre, incontri all’Avana esponenti delle Farc, i guerriglieri colombiani.

(Le FARC sostengono di rappresentare gli interessi dei poveri che abitano la Colombia contro le classi ricche e si oppongono all’ingerenza degli Stati Uniti d’America negli affari interni della Colombia)

 

FARC

 

“E’ una cosa che non dipende da noi ma che riguarda il governo e la chiesa cubana -spiega monsignor Castro Quiroga, secondo quanto riferisce l’agenzia di informazione religiosa Sismografo- il Papa è informato sui negoziati in corso e sicuramente per lui sarebbe utile avere notizie dirette dai protagonisti delle trattative: tutti vedono positivamente una partecipazione del Pontefice nel processo di pace in Colombia”.

Ivan Marquez, esponente delle Farc, conferma la richiesta di un incontro con Bergoglio: “Vogliamo salutare di cuore Papa Francesco, se ci offrirà questa opportunità. Noi abbiamo un atteggiamento positivo e vogliamo far progredire il processo di pace, in particolare con l’appoggio del mondo cattolico”.

Quanto a un possibile ruolo del Vaticano, Marquez osserva che “La Chiesa offre tutta la sua esperienza per raggiungere un accordo finale”.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -