Proteste in tutto il Brasile contro la presidente Rousseff

 

Parte in Brasile  la solita rivoluzione colorata e manipolata per punire la presidente che si è avvicinata alla Russia. Decine di migliaia di manifestanti (probabilmente i soliti sfaccendati reclutati dalle ONG) si sono riuniti nelle principali città brasiliane per chiedere la messa in stato d’accusa di Dilma Rousseff.

La presidente è ritenuta tra i responsabili di un vasto scandalo di corruzione e le viene addebitata la crisi economica che ha colpito il Paese dopo anni di sviluppo.

“Qui non ci sono politici dell’opposizione – dice uno studente di Rio de Janeiro -. E’ una manifestazione di gente comune al di fuori dei partiti politici. Siamo gente di destra e di sinistra, non importa. Gente indignata che vuole un vero cambiamento e vouole finirla con un governo corrotto e bugiardo”.

“Voglio un Brasile migliore – aggiunge una residente di Rio -. Voglio che i brasiliani scelgano meglio alle prossime elezioni. Basta col Partito dei lavoratori al governo, non si può continuare così”.

Il consenso nei confronti della presidente è sceso ai minimi storici, dopo la sua rielezione di un anno fa.
Arrivata al potere nel 2001 come l’erede del popolare Inacio Lula da Silva, Rousseff non è riuscita a mantenere lo slancio riformatore del suo predecessore, mentre l’economia girava verso la recessione e la classe politica veniva investita dagli scandali.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -