Prostitute nigeriane rapinano e minacciano di morte due ‘colleghe’ romene

Roma – Due nigeriane che si prostituivano sono state arrestate dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Frascati per aver rapinato due “colleghe” romene che avevano occupato il loro posto.

Durante un servizio di perlustrazione su via Prenestina, i militari hanno notato a terra due ragazze romene gia’ note come prostitute che urlavano verso altre due donne di colore che stavano scappando a piedi. Una volta soccorse, le due vittime hanno raccontato rapidamente ai carabinieri di esser state appena rapinate dei documenti e degli effetti personali dalle due donne in fuga.

Assicuratisi che le due romene stessero bene, i militari hanno inseguito le due donne indicate come autrici della rapina e le hanno bloccate dopo poche centinaia di metri, ancora in possesso di una borsa che avevano strappato ad una delle vittime. Dai successivi accertamenti, i carabinieri hanno inoltre scoperto che nei giorni precedenti, le due nigeriane prostitute, sorprendendo quelle romene nella “loro” zona, avevano chiesto una somma di denaro per lasciarle continuare a lavorare li’, minacciandole di morte se non avessero pagato.

E ieri mattina, tornate sul posto e notata ancora la presenza delle due cittadine romene, le avevano malmenate impossessandosi dei loro documenti e degli effetti personali. Le due nigeriane, di 20 e 30 anni, entrambe senza fissa dimora, sono state arrestate e sono in attesa di essere giudicate con rito direttissimo. (AGI)



   

 

 

1 Commento per “Prostitute nigeriane rapinano e minacciano di morte due ‘colleghe’ romene”

  1. ORSINGHER30@nessuno20

    GLI IMMIGRATI SONO UNA RISORSA CI PORTANO LA LORO CULTURA. -

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -