Perugia: marocchino rapina tassista mincciandolo con coltello di 30 cm

Perugia – Ha rapinato un tassista ma poco dopo è stato bloccato dai poliziotti delle volanti. Il 38enne aveva chiesto al malcapitato tassista di trasportarlo nel quartiere di Ferro di Cavallo, ma, al termine della corsa, invece di pagare, ha puntato contro l’autista un grosso coltello della lunghezza di 31 centimetri, di cui 20 di sola lama.

Il rapinatore ha intimato di consegnargli tutto il denaro che aveva con sé, pari a 375 euro, dopodiché è scappato via. A quel punto, il derubato ha avuto la lucidità di chiamare il 113 e di descrivere compiutamente aspetto e abbigliamento del malvivente, il che ha permesso alle volanti di iniziare immediatamente la caccia all’uomo. Le ricerche hanno avuto successo, in quanto il 38enne è stato rapidamente individuato in via Firenze e, malgrado il suo disperato tentativo di fuggire, è stato bloccato.

Il marocchino è stato trovato in possesso del solo denaro rubato al tassista, ma gli uomini della volante hanno dopo poco rinvenuto, nei pressi del luogo in cui era stato fermato, sia il coltello utilizzato durante la rapina che il portafogli del tassista, oggetti dei quali il marocchino aveva tentato di disfarsi prima di essere fermato dalla polizia. A questo punto, il 38enne, già gravato da alcuni precedenti per reati contro il patrimonio e contro la persona, è stato arrestato in flagranza per rapina aggravata ed immediatamente portato al carcere di Capanne. Nei suoi confronti è scattata, anche una denuncia per il reato di porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere. Per il tassista, dopo il grosso spavento, la soddisfazione di aver prontamente riavuto indietro il maltolto. LaPresse



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -