Libia: a Sirte l’Isis bombarda i civili “E’ sterminio di massa”

Gli artefici del disastro libico

Gli artefici del disastro libico

 

SIRTE (LIBIA) – Ribellione e repressione nel sangue nella città libica controllata dall’Isis. I miliziani dello Stato Islamico hanno bombardato una zona residenziale della città natale del fu rais Muammar Gheddafi, nel corso degli scontri in atto da lunedì scorso tra gli uomini del Califfato nero e le altre fazioni islamiste appoggiate dagli abitanti, che tentano di riappropriarsi dell’area. Lo hanno riferito diversi media e siti web arabi, mentre una ong libica ha denunciato lo “sterminio di massa” degli abitanti della città.

LE TESTIMONIANZE – Secondo diverse testimonianze riprese sui social media, sarebbero oltre cinquanta i morti da lunedì scorso, ma le notizie che arrivano dalla città, nella zona centrale della costa libica, sono confuse. Secondo il sito web libico “Al Wasat”, i giovani di Sirte, alleati con milizie salafite locali, hanno strappato all’Isis il controllo del porto, ma per la tv satellitare “Al Arabiya” i jihadisti lo avrebbero riconquistato.

“E’ STERMINIO” – “Nella città di Sirte i civili sono vittime di un progetto di sterminio di massa perpetrato dall’Isis che sta bombardando la città in modo indiscriminato”, è la denuncia fatta su Twitter dal “Comitato nazionale per la difesa dei diritti umani”, un’organizzazione non governativa di attivisti libici. Gli scontri sono scoppiati lunedì dopo l’uccisione da parte dei jihadisti dell’Isis del leader salafita Khalid Ben Rijab.

BRUCIATO UN OSPEDALE – I jihadisti dell’ala libica dello Stato Islamico (Isis) hanno appiccato il fuoco a un ospedale di Sirte con all’interno decine di persone ricoverate. Lo riferisce la tv satellitare al Arabiya che parla di “decine di morti”. La televisione panaraba afferma che il bilancio di sangue di tre giorni di scontri tra gli uomini del Califfato e le milizie salafite appoggiate da giovani abitanti della città, slla costa libica, “è di 106 morti”. L’ospedale incendiato dai jihadisti si trova nel quartiere residenziale “Hai 3″ dove si è registrata una ribellione degli abitanti soffocata nel sangue.

today.it



   

 

 

1 Commento per “Libia: a Sirte l’Isis bombarda i civili “E’ sterminio di massa””

  1. E ti pareva, che ci poteva mancare la reclama della Brill, e grazie a questo tris x quello che sta succedendo nel mondo.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -