Transessuale pestato, rapinato e violentato: arrestato ghanese

E’ stato arrestato il malvivente che quasi un mese fa aveva minacciato, picchiato, violentato e derubato un transessuale a Reggio Emilia. La sua vittima l’ha incontrato per caso e, riconoscendolo, ha allertato le forze dell’ordine assicurandolo alla giustizia. Al termine degli accertamenti, i carabinieri della stazione di corso Cairoli con le accuse di rapina aggravata, lesioni personali e violenza sessuale hanno denunciato alla procura reggiana un 33enne ghanese domiciliato a Reggio Emilia.

Secondo quanto ricostruito durante le indagini, la notte del 19 luglio scorso il 33enne avrebbe avvicinato la vittima che si trovava seduto di un bar cittadino con il quale poi si è intrattenuto in quella che sembrava una camminata tra due persone che si stanno conoscendo.A quel punto però l’uomo ha estratto il coltello, l’ha condotto in una stradina non illuminata che porta ad una casa abbandonata, nel quartiere Ospizio di Reggio Emilia. Poi l’ha picchiato, lo ha gettato a terra e minacciandolo ancora con l’arma gli ha abbassato i pantaloni violentandolo. Ogni volta che la vittima urlava lo prendeva a pugni in faccia. Dopo averlo stuprato, l’ha rapinato del cellulare, degli anelli e della borsetta dileguandosi.

Nudo e tumefatto il transessuale, un 45enne reggiano, ha raggiunto un bar, dando l’allarme ai carabinieri della stazione di corso Cairoli che dopo aver prestato i soccorsi alla vittima, si sono messi sulle tracce dell’aggressore. E’ stato il caso, però, a permettere di rintracciarlo: la vittima l’ha incontrato per caso e ha chiamato subito i carabinieri. (La Presse)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -