Invasione di clandestini, ONU e Medici senza frontiere attaccano la Grecia. Pure!

 

Mentre altre decine di migranti provenienti dalla vicina Turchia stanno continuando a sbarcare su questo estremo lembo di terra greca nell’Egeo orientale, in risposta ai violenti incidenti di martedì, il capo della polizia greca (Elas) Dimitris Tsaknakis ha disposto l’invio sull’isola di due squadre anti-sommossa (40 uomini) a bordo di un aereo da trasporto militare C-130. A queste si aggiungono 12 poliziotti dell’unità immigrazione, tra cui uno che parla l’arabo, e altri 250 agenti provenienti dalle isole vicine. La frettolosa decisione è venuta in seguito all’allarme lanciato dal sindaco di Kos, Giorgos Kiritsis, il quale aveva detto che la situazione poteva sfuggire di mano e che c’era il rischio concreto che potesse “scorrere sangue”.

Sull’isola, dove vivono 33mila persone e che era mèta ogni anno di migliaia di turisti, ci sono ormai oltre 7.000 migranti in attesa di ricevere i documenti d’identità per poter proseguire il loro viaggio verso altri Paesi europei. I rifugiati sono accampati in tende da campeggio e sotto ripari di fortuna in giardinetti, parcheggi e viali nella cittadina di Kos e in parte sono stati trasferiti e chiusi all’interno dello stadio locale, trasformato in provvisorio centro di raccolta e distribuzione dei documenti, dove ieri sono avvenuti gli incidenti.

Le ONG: Quinte colonne di Washington

La gestione della crisi immigrazione da parte delle autorità elleniche è stata duramente criticata dall’organizzazione internazionale Medici Senza Frontiere che si è detta “molto preoccupata” per la situazione. Ancora più dura la presa di posizione dell’Agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite (Unhcr) per l’Europa la quale ha detto senza mezzi termini che la risposta di Atene al problema è stata sinora “totalmente vergognosa” in quanto gran parte di coloro che sono sbarcati sulle isole dell’Egeo orientale sono stati costretti a dormire all’aperto senza poter disporre nemmeno dei servizi igienici.

Redazione Tiscali



   

 

 

1 Commento per “Invasione di clandestini, ONU e Medici senza frontiere attaccano la Grecia. Pure!”

  1. Che gentaglia bisogna sentire, loro dettano le leggi, non vedono che la Grecia stanno morendo di fame e sono messi peggio dei clandestini, e addiorittura medici senza frontiere fanno i puritani con i soldi degli altri e parlar male è peccato ma più delle volte ci si azzecca ma non è che in giro su tutti i puritani che difendono questa clandestinità con forza tra Caritas, centri di accoglienze, Medici senza frontiere,CRI ecc. ecc. che siamo solo noi Italiani e la Grecia i due paesi cretini alo mondo a tenere tutta sta gente ma si rendono conto ste teste di Cavoli, sia l’ONU e Medici senza frontiere hanno il coraggio di fare certe affermazioni, io mi VERGOGNEREI e non dico quello che gli vorrei dire.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -