Bambini violentati da dipendenti ONU, si dimette diplomatico senegalese

Il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon ha annunciato oggi di aver licenziato il capomissione in Repubblica centrafricana, il diplomatico senegalese Babacar Gaye, a cause delle accuse di abusi sessuali che sono piovute sui peacekeeper delle Nazioni unite. Gaye “ha presentato le sue dimissioni su mia richiesta”, ha detto Ban ai giornalisti al Palazzo di Vetro.

ONU-Babacar-Gaye

 

La mossa viene dopo che un peacekeeper della Minusca, la missione di peakeeping Onu, è stato accusato di aver stuprato una bambina di 12 anni. Mesi dopo accuse simili sono arrivate per un soldato marocchino e uno del Burundi, sempre della stessa unità.

 

La Francia, inoltre, sta indagando accuse secondo le quali una decina dei suoi soldati avrebbero abusato sessualmente di bambini nel paese in cambio di cibo nel 2013.”Non posso dire con parole quanto angosciato, arrabbiato e pieno di vergogna mi sento quando arrivano ricorrenti notizie di anni di violenze sessuali e abusi da parte delle forze Onu”, ha detto Ban. “Quando l’Onu – ha aggiunto – invia le sue forze, lo fa per proteggere la gente più vulnerabile del mondo nei posti più disperati”. Quindi, ha continuato, “io non tollererò alcuna azione dipersone che sostituiscono la fiducia con la pauea. Quando è troppo, è troppo”.

Il portavoce Onu Stephane Dujarric ha detto che ci sono 57 presunti casi di cattiva condotta da parte di peacekeeper della forza in Centrafrica. In 11 di questi casi si parla di abusi su bambini.(Fonte Afp)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -