Atene costretta a costruire case prefabbricate per i clandestini

 

Gruppi di migranti affluiti in Grecia sono accampati nel più grande parco di Atene, Pedion of Areos.
Circa 500 richiedenti asilo afgani e siriani, molti dei quali donne e bambini, vivono nelle tende, assistiti da alcune ONG.

Ogni persona ha pagato tra i 1.000 e i 3.000 dollari per un posto su un barcone malmesso salpato dalla Turchia.
La loro meta finale non è la Grecia, ma la Svezia, la Germania o il Regno Unito.

“Abbiamo molti problemi in Afghanistan – racconta uno di loro -. Ad esempio, non si sa nemmeno perché si può essere uccisi. Ci sono i Taliban, l’ISIL.”

Grecia: oltre 280 mila persone chiedono aiuto alla UE per mangiare

L’Unhcr (ONU) attacca la Grecia: “deve svegliarsi e fare di più per i migranti”

Grecia: sciacalli tedeschi acquistano 14 aeroporti, quelli che rendono

Le autorità stanno predisponendo case prefabbricate in cui trasferire questi migranti ad Elaionas, zona ovest di Atene. Ma in Grecia dall’inizio dell’anno sono arrivati già 124.000 rifugiati.

«I circa 500 migranti – osserva il nostro corrispondente ad Atene, Apostolos Staikos – saranno spostati dal parco e avranno un tetto sulla testa. Ma cosa succederà con il prossimo gruppo che arriverà ad Atene? Il numero di persone che approda sulle isole egee sta aumentando enormemente e il paese non è in grado di occuparsi di così tanti rifugiati.
E dovrebbe essere chiaro fin d’ora che il problema riguarda non solo la Grecia e l’Italia, ma tutti i paesi europei.” EURONEWS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -