“Unione Euro-Africana con la libera circolazione di persone e merci”

Entro la fine del secolo la popolazione crescerà del 23% – La stima è di una ricerca delle Nazioni Unite presentata al convegno Internazionale di Statistica, in corso negli Stati Uniti, a Seattle. Secondo l’Onu, entro la fine del secolo la popolazione crescerà del 23%. Solo in Nigeria, il paese più popoloso del continente africano, il numero di persone potrebbe quadruplicare entro il 2100 e passare da 182 a 752 milioni di persone. La popolazione crescerà anche negli Stati Uniti, dove per il 2100 si potrebbe passare da 322 milioni di persone a 450.

In realtà l’Africa è praticamente disabitata e questa preoccupazione dell’ONU non ha ragione di esistere

densita
Secondo il demografo Gloni, la rapida crescita della popolazione nei paesi ad alta fertilità come l’Africa può invece far aumentare una serie di problemi già esistenti. Tra questi i problemi legati all’uso delle risorse e l’inquinamento, la salute materna e la mortalità infantile, disoccupazione, bassi salari e povertà. Per Golini la crescita della popolazione significa ”che nel continente bisognerà creare 600-700 milioni nuovi posti di lavoro, dal momento che è impossibile bisogna pensare a una Unione Euro-Africana con la libera circolazione di persone e merci che potrà equilibrare la situazione”.



   

 

 

1 Commento per ““Unione Euro-Africana con la libera circolazione di persone e merci””

  1. Quindi,significa che TUTTI gli africani si riverseranno in Europa,che già sovrappopolata di suo,semplicemente scoppierà in guerre civili,epidemie,rivolte e miseria!Fantastico.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -