Svezia: due accoltellati a morte, sospetti su due presunti profughi eritrei

svezia-Ikea

 

Sono due i sospettati del duplice omicidio avvenuto ieri in un centro Ikea a Vesteras, un centinaio di chilometri da Stoccolma: un richiedente asilo (che ovviamente ha negato tutte le accuse) e un uomo ferito gravemente nell’aggressione, e precedentemente indicato come una terza vittima. Ambedue sono eritrei.

A perdere la vita, ieri, accoltellati nel grande magazzino, una donna di 55 anni e suo figlio di 22. Gli inquirenti non hanno fornito le loro identita’ e devono chiarire anche la dinamica e il movente del duplice omicidio. Di loro si sa solo che non erano del luogo, erano in vacanza e non avrebbero contatti con Vesteras. Sono al vaglio le testimonianz di chi era presente all’aggressione e i video sorveglianza dell’Ikea.

Sembrerebbe non sia un attacco per motivi religiosi o politici, in quanto non partecipa alle indagini la Sapo, i servizi segreti svedesi.

Il primo sospettato e’ un 23enne, interpellato subito dopo l’aggressione e arrestato in base alle affermazioni di altri testimoni sul luogo dei delitti. L’uomo e‘ domiciliato in un centro per richiedenti di asilo a Arboga, a una cinquantina di chilometri dal centro Ikea. Il secondo sospettato e’ un 35enne, trovato gravemente ferito sul luogo dell’aggressione e ora ricoverato in ospedale in terapia intensiva e non ancora ascoltato dagli inquirenti.

Secondo il quotidiano Aftonbladet, che cita fonti di polizia, anche quest’ultimo vive nel centro dei richiedenti asilo e i due si conoscevano bene. Intanto continua il lavoro della scientifica nel Centrom Ikea, rimasto chiuso fino a nuovo ordine. Il doppio omicidio di ieri richiama alla mente un altro episodio traumatico per la Svezia: l’omicidio nel 2003 del ministro degli Esteri Anna Lindh, pugnalata da un 24enne cittadino svedese di origine serba con precedenti psichiatrici.
(AGI) .



   

 

 

1 Commento per “Svezia: due accoltellati a morte, sospetti su due presunti profughi eritrei”

  1. Visto quelloche accade da noi . occorre fare un trattato con i tagliatori di teste del borneo-
    Nell’ultima guerra , i suddetti , per divisa avevano un pled di pelle o finta pelle.? tipo leopardo . con una bratella. – quando il camio si fermava scendeva immediatamente IL soldato inglese e con un mitra, spianato verso loro, ha retro del camio … guai a chi scendeva. IO LI HO VISTI- CON I MIEI OCCHI.!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -