Integralismo islamico. I numeri (spaventosi!) in Europa

jihadista-belgio2

 

Michele Rallo per Rinascita.eu

Niente sembra porre un argine alla sciagurata politica immigrazionista dell’Unione Europea; né, tanto meno, alla politica militare americana che, dopo aver destabilizzato l’intero Vicino e Medio Oriente, rifiuta di intervenire in maniera risolutiva contro l’Isis. Ma lasciamo stare gli USA (i cui interessi sono diametralmente opposti ai nostri), e limitiamo il discorso a ciò che i governi europei potrebbero e dovrebbero fare per difendere i loro popoli.

Innanzitutto, un po’ di numeri: i musulmani nell’Unione Europea sono – ufficialmente – 26 milioni, cui sono da aggiungere quelli che vivono nei Paesi extra-UE a forte presenza islamica (Albania, Kosovo, Bosnia, Macedonia, eccetera). Dei nostri 26 milioni – secondo stime dell’Europol, la polizia dell’UE – “solo” 5.000 sarebbero “jihadisti pronti a colpire”.

Dunque, nell’Unione ci sarebbe una nazione islamica più popolosa della Romania (21 milioni di abitanti) o dell’Olanda (17 milioni) o della Grecia (11 milioni). Inoltre – come dicevo – si sa che fra i musulmani acquartierati in Europa vi sono 5.000 “soldati” del Califfato, e scusate se è poco. Quello che non si sa, però, è quanti fra quei 26 milioni, pur senza arruolarsi sotto le luttuose bandiere dell’ISIS, siano di idee fondamentaliste, e perciò siano ipoteticamente disponibili a fiancheggiare il terrorismo, se non anche – in uno scenario futuribile – a prendere le armi contro i Paesi che li ospitano. Quello delle idee politiche degli islamici europeizzati sembra un segreto impenetrabile, un tabù accuratamente evitato dai sondaggisti.

Ogni tanto, però, le cronache riportano qualche episodio rivelatore: come quello – non più tardi di qualche mese fa – dell’uccisione di 12 profughi cristiani, gettati in mare da 15 musulmani di varie nazionalità africane. I 15 assassini – da quel che è dato sapere – non erano “guerrieri” jihadisti, ma soltanto dei “buoni musulmani” provenienti da Senegal, Mali e Costa d’Avorio. Si è così appreso che, sui circa 100 occupanti di quel barcone, una ottantina era di fede musulmana e, fra questi, una quindicina di idee fondamentaliste talmente estreme da giungere alla eliminazione fisica dei cristiani. Se una percentuale del genere dovesse rispecchiare gli orientamenti della generalità dei musulmani europeizzati, avremmo un numero da capogiro; non 5.000 jihadisti pronti a colpire, ma un numero superiore di mille volte: più o meno, 5 milioni di individui. Dico sùbito che questi numeri sono frutto di un ragionamento astratto, basato soltanto su un singolo fatto di cronaca, e che molto probabilmente non rispecchiano la realtà. Questa, verosimilmente, è a metà strada fra i 5.000 e i 5 milioni: diciamo, un paio di milioni di individui che, sotto l’aspetto politico, non sono propriamente affidabili.

Ebbene, se la situazione reale è questa, è necessario che l’Unione Europea ed i governi dipendenti intervengano con decisione per fermare una deriva estremamente pericolosa.

In primo luogo, occorrerebbe chiudere le frontiere (terrestri e marittime) ad ogni forma – anche mascherata – di migrazione economica. E questo – mi permetto di aggiungere – fino a quando un solo cittadino dell’UE sarà senza un posto di lavoro, fino a quando un solo cittadino dell’UE sarà senza un alloggio, fino a quando un solo cittadino dell’UE sarà senza una decente copertura sanitaria o senza una dignitosa posizione previdenziale.

In secondo luogo, i rifugiati veri andrebbero accolti in termini di provvisorietà, offrendo loro asilo solo fino a quando la situazione nei Paesi d’origine non dovesse consentire il loro rientro in patria. E, in ogni caso, evitando qualsiasi automatismo nella concessione (anche ai loro figli) della cittadinanza dei vari Paesi europei. A causa dell’andamento demografico, lo ius soli (che è stato sia pur parzialmente introdotto nella nostra legislazione) è lo strumento che potrebbe – nel giro di un paio di generazioni – trasformare l’Europa in una appendice dell’Africa. La cittadinanza andrebbe riconosciuta soltanto a chi abbia un rapporto di parentela (anche acquisita) con elementi autoctoni.

In terzo luogo, occorrerebbe – previa sospensione dell’accordo di Schengen – procedere ad un rigoroso censimento degli stranieri presenti a vario titolo nei Paesi europei, provvedendo alla espulsione inappellabile di tutti gli elementi pericolosi per la nostra sicurezza individuale o collettiva: incominciando dai 5.000 jihadisti conosciuti dall’Europol, e continuando con le legioni di delinquenti comuni che affollano le nostre contrade (e le nostre carceri).

Per far questo, non è necessario che “l’Europa faccia la sua parte”. Basterebbe un solido blocco navale alle soglie delle nostre acque territoriali e qualche direttiva meno buonista alle nostre forze di polizia. Dimenticavo: occorrerebbero anche uomini di governo capaci di scelte coraggiose. Ma il coraggio – diceva Manzoni parlando di Don Abbondio – se uno non ce l’ha, non se lo può dare.



   

 

 

1 Commento per “Integralismo islamico. I numeri (spaventosi!) in Europa”

  1. Non esiste l’”Islamico buono”, esiste solo l’ISLAM ed è tutto uguale.- Gli Jadisti sono invece potenzialmente tutti e 25 milioni (escluso qualche vecchio e qualche bimbo), dico solo “Qualche”!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -