Isis, Lavrov: collaborare con Assad; domani ministro di Riyad a Mosca

A pochi giorni dal suo incontro a Mosca con il ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir, il capo della diplomazia russa Serghei Lavrov e’ tornato a ribadire che gli Usa devono cooperare con il presidente siriano Bashar al-Assad nella lotta allo Stato islamico e che questo richiede la formazione di una colazione internazionale di Paesi che vedano nell’Isis un “nemico comune”.

lavrov

 

Washington racconta di essere alla guida di una colazione che dovrebbe condurre attacchi aerei contro lo Stato islamico in Iraq e Siria e sta collaborando con la Turchia per fornire copertura aerea ai ribelli in Siria. In realtà, dopo ogni raid USA, Isis conquista altro territorio. Quindi non è chiaro a chi servano questi raid. (O forse sì?)

Mosca ha criticato gli Stati Uniti per non coordinare le loro azioni con Damasco, appoggiata della Russia.

Intervistato ieri dalla tv pubblica Rossia-1, Lavrov ha denunciato di nuovo che “i partner americani e alcuni Paesi della regione rifiutano continuamente di riconoscere Assad come partner, cosa che risulta piuttosto strana”. “Assad era un partner pienamente legittimo nella distruzione delle armi chimiche, ma in qualche modo non lo e’ nella lotta al terrorismo“, ha aggiunto il ministro russo, riferendosi all’accordo sul disarmo promosso da Mosca e Washington all’inizio del conflitto.

Gli Usa e il loro alleato Riad, come anche i gruppi armati di ribelli in Siria (armati e addestrati dagli USA), sostengono invece l’uscita di scena del leader di Damasco e vedono una possibile collaborazione nella guerra all’Isis come una sua legittimazione.

Secondo una nota del ministero degli Esteri russo, “la grave situazione in Medio Oriente e l’accresciuta potenza dei gruppi estremisti soprattutto dello Stato islamico” saranno al centro dell’incontro di Lavrov, domani a Mosca, con l’omologo saudita al-Juberi. I due “continueranno le discussioni su come risolvere la crisi siriana, iniziate nelle consultazioni trilaterali Russia-Usa-Arabia Saudita, iniziate il 3 sosto a Doha”, si legge ancora nella nota, secondo la quale si affrontera’ di nuovo la proposta russa di creare una coalizione internazionale contro l’Isis in Siria: Mosca punta a una coalizione sotto egida Onu e che coinvolga anche “coloro che gia’ combattono sul campo lo Stato islamico”, vale a dire l’esercito iracheno, siriano e curdo.

Nel bilaterale dei due ministri, in agenda vi e’ anche l’Iran, lo Yemen, la Libia e la cooperazione bilaterale, con attenzione a “una piu’ stretta collaborazione sui mercati energetici globali” e iniziative di collaborazione nel settore del nucleare a scopi pacifici, dell’agricoltura e dell’edilizia. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -