15enne svedese fugge in Siria: ora è incinta, prigioniera dei jihadisti

A fronte dei numerosi giovani occidentali che si trovano di loro volonta’ nelle terre del califfato per combattere al fianco dei miliziani dello Stato Islamico, un caso assolutamente a parte e’ costituito da una ragazzina svedese di 15 anni, ormai incinta di sei mesi, che insieme al fidanzato diciannovenne il 31 maggio spari’ dalla casa di famiglia a Boras, una sessantina di chilometri a est di Goteborg, e dalla Svezia raggiunse la Siria attraverso la Turchia: non pero’ per unirsi all’Isis, bensi’ ai suoi acerrimi rivali di al-Qaeda.

Decisione fatale, visto che pochi giorni fa la coppia e’ stata catturata dai jihadisti ad Aleppo, trasferita a forza in una zona sotto il loro controllo e infine divisa: all’insaputa di tutti si erano gia’ sposati in patria con il rito islamico, ma per gli estremisti seguaci di Abu Bakr al-Baghdadi il matrimonio non e’ comunque valido, e quindi non possono rimanere insieme. Lui adesso e’ stato costretto ad andare al fronte, dove potrebbe anche ritrovarsi a dover sparare ai qaedisti nei cui ranghi intendeva entrare. Lei, semplicemente, e’ prigioniera: e’ stata affidata in custodia a un gruppo di donne arabe, e non si sa con esattezza dove si trovi, anche se forse potrebbe essere a Manbij, avamposto a 30 chilometri dal confine turco.

La loro storia e’ stata raccontata ai quotidiani ‘Expressen’ e ‘Boras Tidning’ dai genitori dell’adolescente, di cui non sono state divulgate le generalita’. Laconico per contro il ministero degli Esteri di Stoccolma: “Siamo stati informati della presenza in Siria di una connazionale minorenne, e ci teniamo in contatto con i parenti”, ha tagliato corto un portavoce, Gabriel Wernstedt.

La madre ha spiegato invece di essere riuscita a parlarle ancora ieri grazie al telefonino che una delle carceriere, impietosita, di tanto in tanto presta alla figlia: “Era molto triste e molto spaventata”, ha riferito la donna. “Non sappiamo come tirarla fuori da la’ e, ora che si trova in una zona controllata dall’Isis, sara’ persino piu’ difficile”. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -