Velo d’Astico: clandestini nel condominio, residenti in rivolta

Velo d’Astico: comitato “Prima noi” impedisce ingresso ai presunti “profughi” in casa

no-clandestini

 

Serata movimentata venerdì nella frazione di Lago a Velo D’Astico, dove alcuni richiedenti asilo dovevano trovare alloggio in un appartamento. Sul posto si è recato il neonato comitato “Prima noi” che li ha bloccati sulla porta. C’è voluto l’intervento dei carabinieri per sbloccare la situazione.

“Eravamo stati allertati sull’arrivo presso un’abitazione privata di un gruppo di immigrati clandestini e ci siamo recati sul posto – racconta il portavoce Leo Colla – Già da subito è stato chiaro che questi nuovi arrivi sarebbero stati molto scomodi, e più di qualcuno era arrabbiato”. La situazione si scalda poco dopo le 19. 30 quando arriva il pullmino della cooperativa con 8 persone, “tutti provenienti dal Ghana, e che per loro stessa ammissione, non sono scappati dal proprio paese per colpa della guerra - prosegue Colla – Comunque li abbiamo tenuti fuori per circa due ore, durante le quali sono arrivati via via il vicesindaco, l’assessore e poi anche il sindaco”. I militari sono arrivati sul posto intorno alle 22 con tre pattuglie e hanno fatto entrare i ghanesi nell’appartamento loro destinato.

“Siamo comunque rimasti per dare supporto agli abitanti della contrada, circa una ventina, contestando e l’operato delle forze dell’ordine, ma soprattutto naturalmente quella scellerata del governo – conclude Colla – Le autorità si sono impegnate a farli rimanere il meno possibile. Se non la manterranno, torneremo” “

vicenzatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -