Governo di Kiev allo sbando, “Uranio-238″ in mano ai criminali

Se Kiev non riesce a stroncare il traffico illegale del materiale radioattivo, una “bomba sporca” potrebbe finire nelle mani dei radicali ucraini o nel Medio Oriente.

 

POROS

 

Lo ha dichiarto lo storico e analista politico inglese Martin McCauley, intervistato dalla televisione Russia Today.

La sostanza radioattiva (presumibilmente, Uranio-238), sequestrata dal Servizio di sicurezza dell’Ucraina a un gruppo di criminali nella regione di Ivano-Frankovsk, può essere usata per la costruzione di cosiddette “bombe sporche”, ha detto McCauley.

Secondo l’analista, l’instabilità della situazione in Ucraina potrebbe consentire ai criminali di impossessarsi di armi nucleari.

“Il sistema di sicurezza in Ucraina è molto fragile. Plutonio e tutti gli altri materiali, che potrebbero essere usati per costruire una “bomba sporca”, devono essere chiusi in un posto sicuro e sorvegliati dai militari. Lo Stato deve avere il controllo di questi materiali”, ha osservato McCauley.

Il fatto che i criminali siano entrati in possesso del materiale radioattivo dimostra che il governo di Kiev non è in grado di garantire la sicurezza nel paese. In questo clima di precarietà, l’Uranio-238, se finisse nelle mani degli oppositori di Poroshenko, potrebbe essere usato anche contro il regime.

L’analista ha rilevato che il controllo sul traffico di sostanze radioattive sta diventando sempre più difficile. Per creare una bomba basta anche una piccola qantità di uranio, mentre gli specialisti che sanno come costruirla nel mercato nero non mancano.

“Se alla fine una “bomba sporca” finisce nelle mani dei terroristi del Medio Oriente, lo scenario dell’incubo diventerà reale”, — ha aggiunto Martin McCauley.

it.sputniknews.com



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -