Clandestino manda due carabinieri all’ospedale inneggiando ad Allah

Aveva ancora le narici imbiancate dalla cocaina. E mentre i carabinieri cercavano di bloccarlo e di infilargli le manette, lui inneggiava ad Allah, menando con calci e pugni. Hanno faticato non poco, i militari della stazione di Filetto, per avere la meglio sul tunisino che, dopo un controllo prima in auto poi domiciliare, e in evidente stato di alterazione da assunzione di stupefacenti, ha cominciato a dare in escandescenze.

Mehrez Zelfani – 29 anni, domiciliato a Forlì, sposato, pregiudicato, clandestino e nullafacente – alla fine è stato arrestato: difeso dall’avvocato Giuseppe Roccafiorita, per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale (due carabinieri all’ospedale e 10 giorni di prognosi ciascuno) ha patteggiato in Tribunale un anno e otto mesi.

Come misura cautelare, obbligo di dimora a Forlì (la Procura chiedeva il carcere) e prescrizione di restare in casa dalle 20 alle 8.  […]  RdC



   

 

 

1 Commento per “Clandestino manda due carabinieri all’ospedale inneggiando ad Allah”

  1. BERGOGLIO : CHI LI RESPINGE VUOLE LA GUERRA.,… NON CI SIAMO.!
    NON ABBIAMO BISOGNO DELLE CULTURE DELLE SANGUISUGHE CON GLI STUPEFACENTI,.!!!
    EGREGIO BERGOGLIO : NON E’ MIA LA FRASE : AIUTATI CHE DIO TI AIUTA.-
    QUESTI SONO IL MALE .!!! LI DOBBIANO AIUTARE AL MALE.???

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -