Immigrati, appello di Tsipras alla UE: da soli non ce la facciamo

La Grecia non ha infrastrutture in grado di reggere le migliaia di immigrati che giungono sulle sue coste e chiede aiuto dell’Unione europea. L’appello e’ stato lanciato dal premier greco, Alexis Tsipras, per il quale “adesso e’ il momento di vedere se e’ l’Ue della solidarieta’ o l’Ue dove ognuno cerca di proteggere i suoi confini”.

Il premier greco presiederà oggi una riunione d’emergenza del governo per affrontare l’ondata di clandestini, situazione resa ancor più grave dai problemi di finanziamento di Atene.

UNHCR-VincentCochetel

Ignobile, disgustoso, cinico e offensivo il commento dell’agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite (UNHCR) che ha invitato la Grecia a prendere il controllo del “caos totale” nelle isole del Mediterraneo, dove migliaia di migranti sono sbarcati.
“Il livello di sofferenza dei migranti che abbiamo visto sulle isole è insopportabile. (QUELLO DEI GRECI INVECE E’ SOPPORTABILISSIMO??) Le persone arrivano pensando che sono all’interno dell’Unione europea (ANCHE I GRECI CHE MUOIONO DI FAME PENSANO DI ESSERE NELL’UNIONE EUROPEA E INVECE VIVONO NEL TERZO MONDO). Ciò che abbiamo visto non è  accettabile in termini di standard di trattamento”, ha detto Cochetel dopo aver visitato le isole greche di Lesbo, Kos e Chios.

Le autorità greche devono «condurre e coordinare la risposta” ha detto Cochetel, stipendiato da ben 30 anni dall’ l’UNHCR (cioè dai donatori, compresi noi) . “Non ho mai visto una situazione del genere. Questa non è l’Unione europea e questo è totalmente vergognoso”.



   

 

 

1 Commento per “Immigrati, appello di Tsipras alla UE: da soli non ce la facciamo”

  1. Tsipras sempre più ambiguo e xenofilo ! Caro tsipras , la solidarietà va innanzitutto ai cittadini Europei in difficoltà ! Sei uno dei tanti politici venduti alla troika !Ecco in quale personaggio, tanti Greci avevano riposto le loro speranze

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -