Orrore in una famiglia romena: neonato morto nel water a testa in giù

 

MILANO – Un neonato in arresto cardiaco a testa in giù nel water di casa e una famiglia di romeni era intenta a cenare. Madre, padre e i loro tre figli, oltre alla sorella della donna. Quando sono arrivati i soccorsi si sono limitati a dire “il bambino è in bagno”.

Una storia agghiacciante avvenuta martedì 28 luglio in un appartamento in zona Corvetto a Milano, come riportato da Repubblica. I soccorritori, chiamati per un parto in casa, hanno cercato di rianimare il piccolo in tutti i modi. A lungo gli hanno praticato il massaggio cardiaco, gli hanno fatto un’iniezione di adrenalina al cuore e lo hanno incubato, tutto su una sala di rianimazione improvvisata: il piano della lavatrice, l’unico piano libero della casa.

Le operazioni sono continuate al pronto soccorso del Fatebenefratelli, dove purtroppo il neonato è morto poco dopo. Il pubblico ministero di turno, Antonio D’Alessio, ha aperto un’inchiesta senza indagati né ipotesi di reato. La donna che aveva appena partorito – una romena di 43 anni madre di tre figli, con compagno della stessa nazionalità – ha dichiarato agli inquirenti che il piccolo è nato vivo al settimo mese di gravidanza.

Le indagini dovranno chiarire se il neonato sia stato partorito nel water e sia morto per annegamento o se invece sia morto in altro modo e poi qualcuno abbia cercato di disfarsi del corpicino. Dubbi che verranno sciolti con l’esame autoptico, che si svolgerà nelle prossime ore. (da MilanoToday)

 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -