Orrore in una famiglia romena: neonato morto nel water a testa in giù

 

MILANO – Un neonato in arresto cardiaco a testa in giù nel water di casa e una famiglia di romeni era intenta a cenare. Madre, padre e i loro tre figli, oltre alla sorella della donna. Quando sono arrivati i soccorsi si sono limitati a dire “il bambino è in bagno”.

Una storia agghiacciante avvenuta martedì 28 luglio in un appartamento in zona Corvetto a Milano, come riportato da Repubblica. I soccorritori, chiamati per un parto in casa, hanno cercato di rianimare il piccolo in tutti i modi. A lungo gli hanno praticato il massaggio cardiaco, gli hanno fatto un’iniezione di adrenalina al cuore e lo hanno incubato, tutto su una sala di rianimazione improvvisata: il piano della lavatrice, l’unico piano libero della casa.

Le operazioni sono continuate al pronto soccorso del Fatebenefratelli, dove purtroppo il neonato è morto poco dopo. Il pubblico ministero di turno, Antonio D’Alessio, ha aperto un’inchiesta senza indagati né ipotesi di reato. La donna che aveva appena partorito – una romena di 43 anni madre di tre figli, con compagno della stessa nazionalità – ha dichiarato agli inquirenti che il piccolo è nato vivo al settimo mese di gravidanza.

Le indagini dovranno chiarire se il neonato sia stato partorito nel water e sia morto per annegamento o se invece sia morto in altro modo e poi qualcuno abbia cercato di disfarsi del corpicino. Dubbi che verranno sciolti con l’esame autoptico, che si svolgerà nelle prossime ore. (da MilanoToday)

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -