Presunti profughi, lo Stato non paga gli hotel: ordine pubblico a rischio

Brescia – Gli albergatori che ospitano i presunti profughi hanno lanciato un ultimatum: o lo Stato salda gli arretrati di 4 mesi oppure il servizio di accoglienzaverrà «tagliato». Prima con l’eliminazione del pocket money, poi attraverso la riduzione dei servizi integrati (alfabetizzazione, cancelleria, trasporti) e, infine, con «la possibilità – scrivono gli albergatori al prefetto di Brescia – di ridimensionare il numero degli ospiti nelle nostre strutture».

Nella lettera al prefetto Valenti gli albergatori hanno scritto: «è opportuno che ci venga liquidata la fattura di aprile entro e non oltre il 14 agosto». Per gli imprenditori lo scoperto sta diventando «insostenibile»: “abbiamo esaurito tutte le risorse per proseguire nel nostro lavoro”.

In un altro passaggio della lettera sostengono che «non intervenire immediatamente significherebbe arrivare inevitabilmente a situazioni paradossali e pericolose per l’ordine pubblico». Se infatti i clandestini non avessero più vitto e alloggio, si riverserebbero  in centro storico e darebbero sicuramente inizio alle proteste



   

 

 

3 Commenti per “Presunti profughi, lo Stato non paga gli hotel: ordine pubblico a rischio”

  1. PRESUNTI.? IL CONTO COME FOSSERO IN FERIE DA NOI E RIMESSO ALLA LORO AMBASCIATA CON IL CARICO DI TUTTE LE SèESE PERTINENTI,!

  2. Vi sta bene coglioni, credevate forse che Renzi prende per il (_Y_) gli italiani, tranne gli albergatori?

  3. Godo a livelli massimi…vi state arricchendo con la tratta di esseri umani? Si!! Adesso pagate le conseguenze!!! Io spero che arrivi la rivolta così vedremo di che pasta son fatti i clandestini

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -