Tribunale gli toglie il figlio, 43enne si da’ fuoco e muore “Addio, amore di papà”

Ancona, perde il figlio e si dà fuoco in tribunale: morto Francesco Di Leo

disperato

 

ANCONA – Le ustioni sul suo corpo erano troppo gravi e Francesco Di Leo non ce l’ha fatta. Dopo 36 ore di agonia è morto il papà di 43 anni che nel primo pomeriggio di venerdì si era dato fuoco al Tribunale per i minorenni dopo che gli era stata revocata la potestà genitoriale.

L’uomo di origini pugliesi, buttafuori di professione residente a Pesaro, era seguito dai servizi sociali e stava per essere allontanato dal figlio, che i giudici minorili volevano “affidare in protezione in una struttura, in attesa delle necessarie valutazioni rispetto ai genitori e al nucleo familiare allargato”.

Venerdì scorso l’uomo era partito da casa con lo scooter della moglie per arrivare ad Ancona, dopo avere postato un messaggio su Facebook: “Addio, amore di papà”. Era entrato una prima volta nell’atrio del Tribunale chiedendo dei Servizi sociali: gli uffici però erano chiusi. Di Leo era uscito e rientrato subito dopo con due bottigliette piene di benzina che in parte si era rovesciato addosso, dandosi fuoco. Le fiamme erano state spente dall’addetto alla security con l’estintore in dotazione. Di Leo era stato trasportato immediatamente in ospedale, in condizioni disperate.

.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -