La Turchia bombarda i Curdi: 260 morti e centinaia di feriti

In una settimana di incursioni dell’aviazione turca contro le basi dei  curdi, sono stati uccisi circa 260 guerriglieri e altre centinaia sono rimasti feriti: questo almeno il bilancio fornito dall’agenzia governativa turca Anatolia.

curdi

Secondo l’agenzia, che non cita fonti e la cui informazioni sono state verificate in maniera indipendente, tra i feriti c’e’ anche il fratello del leader del partito filo-curdo Hdp, Selahattin Demirtas.
Finora il governo turco si e’ rifiutato di dare bilanci sulle vittime e anzi una fonte ufficiosa ha tenuto a rimarcare che “non e’ una partita di calcio”. Ma il numero di raid quotidiani sulle postazioni Pkk nel nord dell’Iraq da’ un’idea della dimensione dell’operazione “antiterrorismo” lanciata da Ankara, un operazione che suscita qualche inquietudine nelle capitali occidentali.

Renzi chiama Erdogan: “Pieno sostegno alla Turchia”

Venerdi’ il ministro degli Esteri tedesco, Frank-Walter Steinmeier ha esortato la Turchia a “non distruggere i ponti” costruiti nel corso degli ultimi anni con la minoranza curda. Selahattin Demirtas riconosce apertamente che il fratello maggiore Nurettin si e’ ritirato sui monti Kandil nel nord dell’Iraq, dove c’e’ il quartier generale del Pkk; e il partito islamico conservatore al potere lo considera un segno ulteriore della “collusione” tra il Pkk e il partito filocurdo. “Non so nemmeno se sia vivo o morto”, ha detto Selahattin Demirtas nei giorni scorsi. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -