Gli chiudono il locale per schiamazzi, barista si da’ fuoco

Bologna – Via Moline, locale chiuso dal Questore: si da’ fuoco davanti alla Questura

Si è dato fuoco ieri sera poco dopo le 21 davanti alla Questura, in Piazza Galilei. T.K.A., 35 anni, italiano di origine camerunense aveva chiesto di parlare con il Questore, ma era troppo tardi ed è stato invitato a tornare questa mattina, così è uscito e si è dato fuoco, vuotandosi addosso la benzina contenuta in una bottiglia che aveva portato con sé. E’ stato soccorso dal corpo di guardia che ha allertatoi soccorsi.

A portare al tragico gesto, l’ordinanza di chiusura per alcuni giorni del locale in cui lavora, ‘Kamit Express’ di via delle Moline. E’ in gravi condizioni ed è stato dapprima trasportato all’Ospedale Maggiore dai sanitari del 118 giunti sul posto, poi trasferito al Centro Ustioni di Parma.

ANTEFATTO. Il 29 luglio scorso una residente aveva segnalato alle 23 circa al 113 schiamazzi provenienti dal locale, così le volanti si sono portate in via delle Moline. La licenza del locale è intestata al suocero del 35enne e quella sera, fa sapere la Questura, la moglie, italiana 33enne, si era dimostrata poco collaborativa, arrivando a sbarrare l’ingresso agli agenti, così era stata denunciata per interruzione di pubblico servizio. Ieri la notifica del provvedimento di chiusura per 15 giorni da parte del Questore. Per i vicini e gli altri negozianti, l’uomo si sarebbe visto perso ed ha avuto una simile reazione: “Quando lo stato ti abbandona, il citadino da’ di matto”.

bolognatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -